Contatta napoli.com con skype

Altri Sport
La favola di Maradona
La sua storia a puntate 50
di Mimmo Carratelli
Achtung, Germania. Si profila un doppio scontro coi tedeschi per la conquista della Coppa Uefa. Semifinale col Bayern, finale con lo Stoccarda. Siamo in pensiero per te, Dieguito. La gamba destra ti tormenta.

E aprile e il campionato non ha pi storia, lInter corre come una lepre. LEuropa il nostro sogno. Otto partite gi giocate, imbattuti, nove gol segnati, quattro subiti.

Col Bayern, San Paolo gremito, quattro miliardi dincasso. I tedeschi vengono domati con una partita attenta e due tuoi suggerimenti, pibe, lanciano in gol Careca e Carnevale (2-0). Francini colpisce un palo, Carnevale la traversa. Pennelli lanci prodigiosi, ma a dieci minuti dalla fine devi lasciare il campo. Stiramento del retto femorale destro.

Ventimila napoletani a Monaco per la gara di ritorno nel magico Olympiastadion con londa lunga della tettoia trasparente. Primo tempo tranquillo. Sei il re del match. Lampi di classe, giocate di delizia. E vai! Rubi la palla a Nachtweih e gi Careca corre al tuo invito per infilare il portiere tedesco (1-0). Scambio rapido col brasiliano, palla alta, colpo di testa, levi le braccia al cielo per il gol, ma larbitro ti pesca in fuorigioco.

Pareggiano i tedeschi, ma scodelli unaltra palla per Carequinha ed il 2-1. Siamo irraggiungibili. Careca e Carannante falliscono la terza rete azzurra, il Bayern fa 2-2 a dieci minuti dalla fine. Storia chiusa, la finale ci aspetta.

Ventanni prima, ai tempi di Zoff e Altafini, ci sbarazzammo dello Stoccarda con un gol di Canzi. Aspettiamo il bis. San Paolo pieno sino allinverosimile, 81mila sugli spalti, incasso vicino ai cinque miliardi. Nello Stoccarda, gioca uno scugnizzo di Frattaminore, Maurizio Gaudino, 23 anni.

Che cosa combina il monello? Batte a sorpresa Giuliani un po fiacco sulla conclusione del ragazzino. Partita in salita, inchiodata sullo svantaggio alla fine del primo tempo. Gli eroi sono stanchi?

Macch, nella ripresa musica azzurra. Diego, sei grande. Dal cappello a cilindro, cavi le giocate decisive, la prima sbarazzina assai che manda in bestia i tedeschi. Colpetto di mano a portarti la palla e tiro scaraventato sul braccio del difensore Schaefer in area. Larbitro assegna un rigore generoso. Dal dischetto, con un sorriso malandrino, spiazzi irrimediabilmente il portiere Immel.

Venti minuti dopo, inventi il lancio al bacio per Careca ed il raddoppio (2-1). Non stato una grande match. Dici: Abbiamo giocato col cuore. I tedeschi accusano larbitro greco Germamakos: Ha capovolto la partita.

Il golletto di Gaudino ci disturba per il ritorno, ma siamo su di giri. Imprudentemente, Ferlaino ti fa una promessa: Se vinciamo la Coppa ti lascio libero. La seconda partita con lo Stoccarda una gran musica azzurra e da Buenos Aires ti arriva la buona novella: nata Yanina Minora. Nello stadio tedesco, quarantamila napoletani, giunti da Napoli e da tutta Europa, dagli Stati Uniti.

Va a segno Alemao, pareggia Klinsmann (Giuliani che cosa combini?). Ma il pi memorabile assist della tua storia azzurra, pibe dei nostro sogni, sgancia in gol Ciro Ferrara. Con un colpo della tua testa di riccioli neri. Giochiamo in contropiede. Partita in pugno. Duetti con Careca, hai la palla, resisti alla carica del truce Allgoewer, la ridai al brasiliano che non perdona. E il 3-1 a mezzora dalla fine.

Lavversario geme, non ha pi speranze. Si leva il canto della felicit: Oje vita, oje vita mia. E un lungo tuono damore che scuote lo stadio e seppellisce lo Stoccarda. Dai la palla a Carnevale per il 4-2, ma Andrea sbaglia. De Napoli regala ai tedeschi un autogol e, a festa gi iniziata, lo Stoccarda pareggia (3-3) con Schmaeler al 90.

La Coppa nostra ed il primo grande trofeo internazionale del Napoli. Grazie, Diego. In campo, un delirio di lacrime e maglie azzurre. Urli ai microfoni della televisione: E bellissimo essere il capitano di questo Napoli. A Ferlaino gridi: Voglio restare fino al 1993. Dimenticata la voglia di andar via. Sei felice: Quando nata Dalmita ho vinto lo scudetto, ora che nata Yanina ho vinto la Coppa. Mercoled di gioia in Germania.

Cinquemila tifosi, a Capodichino, salutano il ritorno del Napoli da Stoccarda. Dolori e dissapori sono cancellati. Cos sembra. Domenica giochi contro il Torino, una vittoria squillante (4-1). Luned parti per lArgentina. Ti aspettano Claudia, Dalmita e Yanina. Buon viaggio, pap.

Continua

Vai alla prima puntata
Vai alla seconda puntata
Vai alla terza puntata
Vai alla quarta puntata
Vai alla quinta puntata
Vai alla sesta puntata
Vai alla settima puntata
Vai alla ottava puntata
Vai alla nona puntata
Vai alla decima puntata
Vai alla undicesima puntata
Vai alla dodicesima puntata
Vai alla tredicesima puntata
Vai alla quattordicesima puntata
Vai alla quindicesima puntata
Vai alla sedicesima puntata
Vai alla diciassettesima puntata
Vai alla diciottesima puntata
Vai alla diciannovesima puntata
Vai alla ventesima puntata
Vai alla ventunesima puntata
Vai alla ventiduesima puntata
Vai alla ventitreesima puntata
Vai alla ventiquattresima puntata
Vai alla venticinquesima puntata
Vai alla ventiseiesima puntata
Vai alla ventisettesima puntata
Vai alla ventottesima puntata
Vai alla ventinovesima puntata
Vai alla trentesima puntata
Vai alla trentunesima puntata
Vai alla trentaduesima puntata
Vai alla trentatreesima puntata
Vai alla trentaquattresima puntata
Vai alla trentacinquesima puntata
Vai alla trentaseiesima puntata
Vai alla trentasettesima puntata
Vai alla trentottesima puntata
Vai alla trentanovesima puntata
Vai alla quarantesima puntata
Vai alla quarantunesima puntata
Vai alla quarantaduesima puntata
Vai alla quarantatreesima puntata
Vai alla quarantaquattresima puntata
Vai alla quarantacinquesima puntata
Vai alla quarantaseiesima puntata
Vai alla quarantasettesima puntata
Vai alla quarantottesima puntata
Vai alla quarantanovesima puntata
12/11/2004
  
RICERCA ARTICOLI