Imposta come Pagina Iniziale    
Aggiungi ai Preferiti    
Anno XV - N°201 - 20 Luglio 2017
Nel sito Nel web con



Cultura
Percorsi Culturali Musei
Piazze, strade e luoghi tipici Palazzi storici e musei
La Storia di Napoli
La Storia di Napoli
La Napoli greca
Se nelle vicine Cuma, Capri o Sorrento scavi archeologici hanno trovato importanti reperti risalenti al periodo neolitico, nel sottosuolo napoletano si sono reperite soltanto scarse tracce di frammenti di ceramica risalente a quel periodo, mista a vasi e bronzetti riferibili alla primitiva civilt cumana.
Virgilio, (Eneide, L. VII), riferisce che i Teleboi, una popolazione della Tessaglia, si sarebbero stanziati dapprima a Capri e poi nella costa napoletana, tant' che una colonizzazione di popolazioni provenienti dalla Tessaglia sarebbe confermata dal ritrovamento di ceramiche simili a quelle delle necropoli tessali di Sichnos e di Syros.
Secondo il geografo Strabone, invece, alcuni coloni provenienti da Rodi avrebbero stabilito, tra il IX - VIII secolo a.C., un emporio commerciale sull'isolotto di Megaride, ove attualmente sorge il Castel dell'Ovo, mentre i Cumani, verso il 680 a.C., avrebbero fondato sul colle di Pizzofalcone - come risulterebbe dalla necropoli sottostante l'attuale via Nicotera ove si sono recuperati vasi protocorinzi risalenti al VII secolo a.C.- un primo nucleo della Napoli storica: la colonia di Partenope (da Partenu-Opsis ossia aspetto verginale) per sostenere la propria politica di espansione nel golfo sottostante e controllarne gli accessi, incrementando le loro gi fiorenti attivit commerciali.
Coinvolta nelle guerre greco-etrusche, Partenope sarebbe stata abbandonata e, dopo la decisiva vittoria greca sugli Etruschi a Cuma nel 474 a.C., rifondata sulla riva del golfo col nome di Neapolis, citt nuova, riservando alla vecchia Partenope il nome di Palaeapolis (citt vecchia). Monete rinvenute nella necropoli sottostante la zona dell'attuale Porta Capuana - raffiguranti la sirena Partenope in stile siracusano - confermano tanto l'esistenza della citt di Neapolis gi nel 470 a.C., quanto il fatto che alla fondazione della nuova citt avrebbero partecipato oltre ai Cumani, anche Phitecusani - ossia coloni siracusani provenienti dall'isola di Ischia e forse anche da Ateniesi, secondo quanto attestano sia Strabone che il ritrovamento, in scavi archeologici, di monete attiche, raffiguranti Athena.
L'influenza ateniese, che tuttavia cominci a venir meno gi a partire dal 420 a.C., rese il porto della citt uno dei pi importanti del Mediterraneo, producendo uno sviluppo urbanistico che rimase immutato sino alla met del I secolo a. C..
L'impianto urbanistico greco
Mura in tufo, risalenti al V secolo, che delimitassero la citt, furono gi erette dai Cumani e vennero rinforzate nel secolo successivo. possibile ricostruire il nucleo della Napoli greca, racchiusa da una cinta muraria che si estendeva da nord lungo l'attuale via Foria e piazza Cavour, piegando ad est lungo l'attuale via San Giovanni a Carbonara fino al mare; ad ovest, seguivano l'andamento di piazza Calenda, della collina di Monterone e dell'attuale via Mezzocannone.
Allo stabilirsi in citt di numerosi coloni greci, la popolazione crebbe sino a trentamila abitanti e oltre all'acropoli sorse ben presto l'agor, la piazza principale, centro del governo e della vita pubblica cittadina, che si apriva dove oggi piazza San Gaetano, secondo quanto stato testimoniato da scavi sottostanti la chiesa di San Lorenzo Maggiore. Qui sorgeva anche l'archeion, l'equivalente della basilica romana, ove si esercitava la magistratura e si custodivano i documenti e il tesoro dello Stato.
L'impianto urbanistico sembra essere stato costituito secondo lo schema detto ippodamico da Ippodamo di Mileto, un famoso architetto cui si attribuiscono i progetti urbanistici delle citt di Atene, di Rodi e di Thurii: una citt quadrata con un lato di circa 2.500 piedi (circa 700 metri), strutturata su tre strade principali, larghe circa sei metri, indirizzate da est a ovest e parallele fra di loro, dette plateai, corrispondenti ai decumani romani - individuabili nelle odierne via Anticaglia, via Tribunali e via San Biagio dei Librai - intersecate ortogonalmente da diciotto stenopoi, strade indirizzate da nord a sud, larghe circa tre metri, che corrispondono ai cardi romani. Le strade erano lastricate in pietra vesuviana e nei quadrivi erano scavati pozzi d'acqua a uso delle necessit pubbliche.
I sepolcri sorgevano fuori le mura: sono stati individuati sulla collina di Santa Teresa, ai Santi Apostoli, a San Giovanni a Carbonara, fra Castel Nuovo e via Verdi, sotto via Medina. I vasi portati alla luce durante gli scavi sono di fattura cumana e testimoniano l'assenza, a Napoli, di una scuola artistica originale.
Anche l'ippodromo e lo stadio dovevano situarsi in un'area fuori della cinta muraria: il primo fra San Giovanni a Mare e l'Egiziaca a Forcella, il secondo tra piazza Nicola Amore e Sant'Agostino alla Zecca, mentre ancora oggetto di dibattito l'esatta collocazione del porto cittadino.
La religione
I culti religiosi in epoca greca si basarono su quelli importati dai fondatori e, certamente uno dei pi antichi tra essi fu il culto della sirena Partenope, gi noto in Grecia orientale prima della fondazione della citt.
Secondo l'antico mito il corpo della sirena fu sepolto a Megaride, ma i racconti leggendari tramandati successivamente collocano il sepolcro di Partenope all'interno delle mura di Neapolis , in particolare, secondo alcuni, sotto il luogo dove sorge la chiesa di San Giovanni Maggiore, secondo altri, all'ingresso del Tempio dei Dioscuri risalente al I secolo d.C..
E proprio i Dioscuri furono divinit molto venerate, cos come si evinto dalle antiche monete del periodo greco ritrovate dagli archeologi; posto nell'area dove sorgeva l'agor, dell'antichissimo tempio dedicato a queste divinit restano ancora visibili le colonne del pronao, integrate nella facciata della chiesa di San Paolo Maggiore in piazza San Gaetano.
Il culto di Apollo fu importato da Cuma, forse contestualmente alla fondazione della citt, ed l'originario tempio dedicato al dio si trovava probabilmente nella zona dove ora sorge il Duomo e pi precisamente dove attualmente la piazzetta Riario Sforza.
Studi basati su prove archeologiche hanno mostrato, con una buona dose di certezza, che erano sviluppati in epoca greca anche altri culti, come quello di Zeus, Eracle, Cerere Attica e Mitra, per citare quelli principali.In seguito, pur sotto la sgradita dominazione bizantina, la citt dovette respingere forti e rozzi nemici come i Longobardi e i Vandali. Dopo un tentativo di indipendenza nel 615, che port a un governo autonomo di breve vita, l'imperatore d'oriente nel 661 accolse le istanze dei napoletani, nominando un duca napoletano a capo della citt: Basilio. In questo modo, pur dipendendo formalmente da Bisanzio, la citt dispose di un governo proprio, che fu dapprima nominato dai bizantini, poi divenne elettivo, e infine ereditario. Ci dur dal 661 al 1137, periodo di aspre lotte in cui Napoli fu tutto sommato una delle poche isole di civilt rimaste nella penisola ormai soggiogata dalle popolazioni barbare.
L'organizzazione sociale e politica
La fratria era un insieme di famiglie che si riconosceva in un capostipite comune. Mutuata dalla Grecia, era un'associazione religiosa e politica: dotata di potere giurisdizionale e amministrativo, aveva anche il diritto e il dovere di perseguire un delitto di sangue commesso contro un suo membro, possedeva santuari e feste comuni. Il capo, il fretrarco, era coadiuvato da tre fratrori e si riuniva nel fretrion. Si ha memoria del nome di almeno dieci fratrie napoletane: Aristei, Artemisi, Ermei, Eubei, Eumelidi, Eunostidi, Theodati, Kretondi, Kumei e Panclidi.
Vi chi ha voluto vedere nella fratria la remota origine di analoghe associazioni che tanta importanza ebbero nella vita pubblica cittadina a partire dall'epoca medievale, i Sedili.
Il sistema di governo di Neapolis fu presumibilmente di tipo oligarchico con i demarchi e gli arconti a fungere da magistrati, e un consiglio eletto secondo il censo dei cittadini.
La Napoli romana
Verso il 400 a.C. le mura di Napoli resistettero all'assedio dei Sanniti, che avevano conquistato le terre cumane, da Capo Miseno a Cuma, compreso il porto di Dicearchia (Pozzuoli) e spingendosi nell'entroterra sino a Nola ed Ercolano.
A quei tempi, la citt era gi un importante centro commerciale e agricolo, anche grazie al fatto che i Sanniti non tentarono la conquista armata della citt, ma preferirono intessere con i napoletani rapporti di tipo commerciale.
Intanto, la nuova potenza emergente di Roma, intuendo le potenzialit di Neapolis e del suo porto, manifest le sue mire espansionistiche per sottrarre la citt all'influenza greca e cumana e nel 326 a.C. il console romano Quinto Publilio Filone entr in citt facendone una colonia romana.
Tuttavia Roma lasci alla citt ampie autonomie e non impose di sostituirsi ai suoi costumi, alla sua lingua ed alle sue tradizioni di origine greca, preferendo piuttosto stringere una sorta di patto di solidariet e creando cos quello che fu chiamato foedus Neapolitanum, con particolare attenzione agli aspetti commerciali e di difesa per quanto riguardava la flotta.
Dal 199 a.C., anno dell'istituzione di una dogana, le importazioni della citt iniziarono a diminuire a vantaggio in particolare della vicina concorrente Pozzuoli e in seguito, nonostante i tentativi di Annibale di sobillare i suoi abitanti contro Roma, Neapolis fu promossa a municipio romano, perdendo parte delle sue autonomie, sebbene restassero ancora in vigore le fratre e le figure di arconti di tradizione greca.
Nel 82 a.C., nella lotta fra Mario e Silla, trovandosi a parteggiare per il primo, la citt dovette subire le devastazioni e le stragi compiute dal secondo, animato dal desiderio di vendetta per l'affronto subito; ci priv oltretutto Neapolis della sua flotta e dell'isola d'Ischia e ne compromise il commercio a tutto vantaggio di Pozzuoli, dando l'avvio ad un periodo di decadenza.
A Neapolis si form la congiura per uccidere Cesare (sembra che Cassio part proprio da uno dei lidi della citt per andare a compiere il celebre omicidio), proprio nel periodo in cui Miseno surclassava la citt per importanza commerciale del suo porto e l'aristocrazia romana veniva ormai in citt quasi solo per organizzare manifestazioni culturali e spettacoli.
Con la successiva trasformazione da municipio romano a colonia, in citt and affermandosi sempre pi la lingua latina e si ebbe una graduale ripresa dal periodo di decadenza (narrato anche da Petronio nel suo Satyricon), con un conseguente aumento della popolazione e un incremento dei commerci dovuto alla presenza alessandrina dall'Oriente nel I secolo.
Il cristianesimo
La religione emergente, il cristianesimo fece presa e si radic subito dopo la met del I secolo, in quanto era gi in atto un processo di progressiva assimilazione della colonia ebraica presente in citt, come testimonia San Paolo nelle sue Lettere e alcuni rinvenimenti archeologici nelle Catacombe di San Gennaro e il Calendarium della Chiesa di San Giovanni Maggiore.
Il primo vescovo napoletano fu Aspreno, forse ordinato dallo stesso San Pietro (che una leggenda vuole presente a Napoli a dire messa nella Basilica di San Pietro ad Aram); Aspreso, poi canonizzato, resse la comunit cristiana napoletana per 33 anni e mor nel 69; l'assenza di martiri fra i cristiani di Napoli spinge alla scelta, come santo patrono della citt, di San Gennaro, vescovo di Benevento, decapitato nella vicina Pozzuoli nel 305.La stirpe dei Durazzo, ramo secondario dei d'Angi, port sul trono di Napoli, dopo Carlo, il giovane Ladislao; grosse ostilit vennero a questi da Luigi II d'Angi, che aveva pretese al trono, e che portarono alla divisione della citt in due fazioni. Tuttavia, Ladislao fin per prevalere, e fu anche un buon sovrano; nel 1404, col desiderio di unificare la penisola, conquist Roma, ma dovette abbandonarla nel 1409. Mor appena quarantenne, lasciando il trono alla sorella Giovanna, anch'essa dedita, come la sua omonima antenata, pi alle tresche amorose e agli scandali che alle attivit di governo.La stirpe dei Durazzo, ramo secondario dei d'Angi, port sul trono di Napoli, dopo Carlo, il giovane Ladislao; grosse ostilit vennero a questi da Luigi II d'Angi, che aveva pretese al trono, e che portarono alla divisione della citt in due fazioni. Tuttavia, Ladislao fin per prevalere, e fu anche un buon sovrano; nel 1404, col desiderio di unificare la penisola, conquist Roma, ma dovette abbandonarla nel 1409. Mor appena quarantenne, lasciando il trono alla sorella Giovanna, anch'essa dedita, come la sua omonima antenata, pi alle tresche amorose e agli scandali che alle attivit di governo.
L'arrivo a Neapolis dei testi di grandi apologisti latini come Tertulliano, le azioni organizzatrice di papa Vittore I prima e quella pi strettamente caritativa di papa Callisto I da un lato e il nuovo corso impresso alla politica romana dalla dinastia dei Severi, diedero impulsi benefici alla comunit cristiana ed alla citt pi in generale.
In seguito al periodo di anarchia militare iniziato nel 235 sotto Diocleziano, persecuzioni anti-cristiane avvennero anche a Neapolis, almeno sino al 311, anno in cui un editto imperiale concedeva ai cristiani libert di riunione e di professione della loro fede.
Numerose sono le leggende legate alla figura di Costantino e molte di esse riguardano la costruzione di chiese, come quella di San Giovanni Maggiore e quella di San Gregorio Armeno, solo per citare le pi note, e gli influssi positivi della politica di questo imperatore furono di durata breve in quanto ebbero avvio, dal 410 in avanti numerose invasioni barbariche. La citt fu attaccata, ma non espugnata grazie anche alle sue fortificazioni, dai vandali.
Nel 476 Romolo Augusto, l'ultimo degli imperatori romani, venne deposto ed imprigionato, per mano di Odoacre, presso Castel dell'Ovo, a quel tempo villa romana fortificata. Molti imperatori romani a lui precedenti - Claudio, Tiberio, Nerone - trascorsero a Napoli le loro pause dal governo dell'Impero in eleganti ville di cui ora rimangono i resti.
Con la guerra greco-gotica e il periodo di crisi che culmin nello sbarco di Belisario in Sicilia (526-535), ebbe termine la storia della Napoli romana.
L'impianto urbanistico romano
Durante l'epoca romana si ebbe un notevole mutamento sull'intero impianto urbanistico del V secolo a.C., con la citt che si espanse prettamente lungo due direttrici privilegiate, verso il porto e fuori le mura, e con l'instaurarsi di un primitivo abbozzo di edilizia residenziale che trov il suo sviluppo nella zona ad ovest dell'attuale via Duomo.
Gli storici e gli archeologi concordano nel definire con quasi assoluta certezza sulla localizzazione del Tempio dei Dioscuri, nel decumanus major, l'attuale via Tribunali, al centro di una zona molto frequentata in quanto prossima al Foro, con le sue caratteristiche tabernae e dotata anche, sembra, di due teatri (il teatro grandee il teatro chiuso), in cui forse si esib lo stesso Nerone e secondo quanto narrato da Stazio, Svetonio e Tacito.
Non mancavano, nell'antica Neapolis i Ginnasi (luoghi di insegnamento all'aperto) e gli edifici termali, questi ultimi testimoniati dai ruderi in vico Carminiello ai Mannesi (Mannese, in Napoletano, vuol dire idraulico/stagnino).
Dopo una regressione naturale dell'espansione urbanistica dovuta alla crisi del III secolo e al suo decremento demografico, nuove fortificazioni sorsero nel V secolo e, per opera di Narsete, le mura giunsero sino al porto, nel 556.
Ducato napoletano
La guerra greco-gotica
Nel VI secolo la citt venne sottratta ai Goti dall'impero bizantino durante il tentativo di Giustiniano I di ricreare l'Impero e la citt fu sottomessa dal nuovo conquistatore, il generale Belisario (536) che, dopo un duro assedio, saccheggi e comp stragi per punire i napoletani dell'appoggio dato ai barbari.
Dopo una nuova e breve parentesi gota (riconquista di Totila del 492), Napoli fu saldamente in mano bizantina grazie all'azione militare di Narsete e divent Ducato bizantino, a partire dal 534 e per i successivi sei secoli.


L'ordinamento giuridico
La notevole influenza del regno di Giustiniano in ambito culturale, artistico e, ancor pi nel campo della giurisprudenza (basti pensare al Novus Iustinianus Codex che fu la base del nuovo ordinamento giuridico) si fece sentire anche a Napoli.
Nacque cos un governo che era da un lato dotato di una struttura militare, necessaria per la difesa del regno in un siffatto periodo di instabilit politica, e dall'altro di una struttura prettamente civile, deputata pi che altro al governo delle province conquistate; inoltre, and aumentando l'importanza conferita al clero, in particolar modo alla figura del vescovo con ampi poteri anche di giurisdizione civile ereditati dalla vecchia figura del magistrato, ormai scomparsa.


Il periodo vescovile
Sotto il nome di periodo vescovile si indica generalmente l'arco di tempo che va dal 578 al 670 e che vede l'affermarsi in citt della figura del vescovo come figura di primaria imnportanza sia religiosa che civile e quindi dotata di potere temporale vero e proprio.
Proprio per le prerogative conferite loro dal nuovo sistema amministrativo e giuridico, spesso vi furono degli aspri contrasti dei vescovi con gli stessi pontefici romani, arrivando in alcuni casi anche a difendere la citt dall'ingerenza della Chiesa.
Fu questo un periodo di continue guerre con i Longobardi che dominavano gran parte dell'Italia meridionale e che pi volte assediarono la citt (come nel 592 e nel 599) senza tuttavia riuscire ad assoggettarla, grazie anche al costante apporto del papato, in particolare nella persona di papa Gregorio Magno.


Ducato bizantino
Sulla scia della rivolta del 615 che a Ravenna port all'assassinio dell'esarca, a Napoli Giovanni Consino si pose a capo del malcontento popolare che iniziava a suscitare il dominio di Bisanzio e che, testimoniava un sempre maggior desiderio di autonomia dei napoletani.
Fu cos che, nel 661, con la nomina di Basilio fu istituita una nuova figura, quella del duca, di nomina imperiale e a capo di un governo militare con attribuzioni del "vecchio" magistrato ormai eliminato; da sottolineare l'importanza del fatto che per la prima volta fu un napoletano a governare la citt con un limitato grado di autonomia.
I duchi che si susseguirono, che furono in ordine cronologico Teofilatto I (666-70), Cosma (670-72), Andrea I (672-77), Cesario I (677-84), Stefano I (684-87), Bonello (687-96), Teodosio (696-706) e Cesario II (706-11), dovettero fronteggiare con una serie di guerre i Longobardi, l'altra potenza dell'Italia meridionale premevano dai vicini ducati di Capua e Benevento.
Nel 711 i napoletani, guidati dal saggio governo del duca Giovanni I e spalleggiati dall'apporto del Papa Gregorio II, riuscirono a riconquistare la citt di Cuma, caduta inaspettatamente in mano longobarda.
La guerra iconoclasta scatenatasi nel 726 pose il nuovo duca, Teodoro I in una difficile condizione di incertezza fra la fedelt all'Imperatore di Bisanzio e la devozione al Papa, dalla quale il duca seppe uscire a testa alta conservando una posizione di equidistanza che non compromise i rapporti di Napoli n con l'Impero n con il Papato.
Durante il periodo vescovile in citt sorsero numerosi monasteri, oltre a svariate chiese; i monasteri erano per lo pi cenobi di orgine greca (retti da monaci basiliani) che trovavano allocazione sulle alture dell'interno o sulle isole ma anche in citt come quello che sorgeva nell'antico Oppidum Lucullianum, sulla collina del Monte Echia o sull'isoletta di Megaride, sebbene non mancassero conventi in citt come il monastero greco di San Sebastiano.
Anche a Napoli, come a Roma, i monaci furono i principali divulgatori della cultura in una lingua ormai diversa dal latino classico e che aveva ormai assorbito influssi greci di derivazione bizantina ma che produsse, oltre a trascrizioni e traduzioni dei classici anche la produzione cristiana, cosidetta agiografica.
Dal punto di vista artistico va ricordato che a Napoli l'influsso longobardo fu pressoch nullo, e la tradizione artistica romana e paleocristiana si perpetu a lungo nel tempo ma, anche dell'arte bizantina da cui la citt mutuava molti influssi, rimasto molto poco a causa sia di eventi come calamit o distruzioni belliche sia di una capacit di trasformazione e di adattamento operata dagli artisti.
In quest'epoca Napoli, che era divenuta la principale citt della Campania, fu rafforzata nelle sue murazioni, anche per una migliore difesa dalle minacce di Goti e Longobardi, e tutta la zona portuale fu inclusa nella cerchia delle mura che di fatto non ebbbero un'ampliamento di grandissimo rilievo.


Ducato autonomo napoletano
Dopo i ducati di Giorgio e Gregorio I, divenne duca Stefano II, in un primo momento molto legato a Bisanzio e poco al Papato ma che, successivamente, nel 763 riconobbe il pontefice Paolo I e si ribell apertamente all'autorit centrale, assumendo la carica vescovile e divenendo cos di fatto il primo a guidare il ducato napoletano autonomo.
Ci venne incontro al desiderio del popolo napoletano che and acquistando una sempre pi ampia coscienza civica e una fiducia sempre maggiore nalla propria autonomia, tanto che da solo e con la lungimiranza dei suo capi e dei suoi vescovi pot resistere ai tentativi di conquista da parte dei Longobardi, dei Franchi e dei Saraceni.
Nel 832 Stefano fu assassinato da una congiura ordita dal alcuni nobili napoletani sobillati da emissari di Sicone, prinicipe longobardo e fu eletto duca proprio uno dei suoi assassini, Bono, destituito dopo appena sei mesi dal suo incarico.
Nel 840, con l'avvento di Sergio II sembr terminare il lungo periodo di lotta del Ducato contro i barbari e in difesa della romanit e fu inagugurata una politica estera pi amichevolenei confronti dei Franchi, in funzione di garantire a Napoli una sempre pi salda autonomia dalle incursioni saracene e longobarde; ci tuttavia non imped ai Saraceni di distruggere, nel 845 la localit di Miseno ed attaccare Roma tre anni dopo, respinti questa volta dalla flotta napoletana corsa in soccorso del pontefice nella battaglia navale di Ostia.
Segu un periodo in cui si tent una sorta di alleanza con i Saraceni, osteggiata da Papa Giovanni VIII che riusc a far condurre il duca in catene a Roma e a farlo giustiziare; fu questo un periodo in cui Napoli ed il Papato si ritrovarono ai ferri corti (anche sotto il ducato di Atanasio II).
I Saraceni furono sconfitti nel 915 con la battaglia del Garigliano in cui l'esercito napoletano, alleatosi con il Ducato di Capua fu praticamente sotto il comando di Bisanzio, che non perse occasione per riprendere ad esercitare la propria supremazia sul Ducato; di fatto, i duchi che si susseguirno furono nuovamente nella sfera imperiale, almeno sino al 963.
Intanto, un nuovo spauracchio si affacci sul Ducato, il Sacro Romano Impero che, con Ottone III inizi a far valere le proprie mire espanzionistiche sulle terre del sud Italia e Napoli, pur rimanendo invischiata nei turbolenti anni delle lotte per il possesso di quelle tere, riusc sostanzialmente a mantenere la sua indipendenza.
Nel 1027 il duca Sergio IV don la contea di Aversa alla banda di mercenari normanni di Rainulfo Drengot, che lo avevano affiancato nell'ennesima guerra contro il principato di Capua, creando cos il primo insediamento normanno nell'Italia meridionale. Dalla base di Aversa, nel volgere di un secolo, i normanni furono in grado di sottomettere tutto il meridione d'Italia, dando vita al Regno di Sicilia. Il ducato di Napoli fu appunto l'ultimo territorio a cadere in mano normanna, con la capitolazione del duca Sergio VII nel 1137.
Periodo normanno
Con la discesa in Italia di Lotario III, ebbe inizio una lunga guerra tra l'Impero e i Normanni che vide Re Ruggero I d'Altavilla perdere progressivamente i territori dell'Italia peninsulare. Ripartito Lotario nell'ottobre del 1137, Ruggero riconquist Salerno, Avellino, Benevento e Capua. Anche Napoli, dopo un anno di assedio, fu costretta a capitolare nel 1137 e proprio in seguito alla ripartenza di Lotario.
Periodo svevo
La citt pass poi agli svevi con Federico II, che nel 1224 vi istitu lo Studio generale, la seconda universit della penisola, e la prima statale. Federico II ampli Castel Capuano, diede incremento ai traffici, aggreg poi al compalazzo (una specie di governatore) una Curia composta di cinque giudici e otto notai. Ma, per aver introdotto alcuni dazi, si rese inviso ai Napoletani che finirono per unirsi ai suoi nemici e, dopo la sua morte, si ribellarono al suo successore Corrado IV.
Nel 1251 Napoli si costitu a Comune libero ponendosi sotto la protezione del papa Innocenzo IV. Nel 1253 la citt, in stato di assedio, dovette arrendersi a Corrado, decimata dalla pestilenza e dalla fame, dopo quattro mesi di resistenza. La vendetta di Corrado si attu col diroccare parte delle mura, trasferre lo Studio a Salerno e imporre ulteriori onerose gabelle. Dopo la morte di Corrado (1254) la citt si pose nuovamente sotto il papa Innocenzo IV, che si stabil a Napoli, ma vi mor poco tempo dopo (1254). Nel conclave, tenutosi a Napoli, il 12 dicembre 1254 fu eletto papa Alessandro IV, che si ritir a Roma all'avvicinarsi dell'esercito di Manfredi, fratello di Corrado IV. Sottomessa da Manfredi, dopo la sconfitta di quest'ultimo (1266), Napoli apr le porte al nuovo re Carlo I d'Angi.
Gli Angioni
Nel 1266 papa Clemente IV aveva assegnato il Regno di Sicilia a Carlo I d'Angi. Nel 1284, in seguito alla rivolta dei Vespri Siciliani (1282), gli Angioini persero la parte insulare a vantaggio degli Aragonesi. I due Regni continuarono a definivano entrambi "di Sicilia"; in particolare, in quello continentale nacque la formula di Sicilia al di qua del Faro (Napoli) e Sicilia al di l del Faro (per approfondire, vedi Faro di Messina). Le due parti rimasero formalmente separate, nonostante abbiano condiviso quasi sempre lo stesso sovrano, fino al 1816 quando venne costituito il Regno delle Due Sicilie (vedi Regno di Napoli).
Persa la Sicilia, Re Carlo (1266-1285) fiss la sua residenza a Napoli che divenne in tal modo la capitale del regno. Sotto di lui e sotto i suoi successori, soprattutto sotto il figlio Carlo II d'Angi (1285-1309) la citt si abbell e si ampli, sorsero chiese monumentali. Ai due castelli (Capuano e dell'Ovo) Carlo I vi aggiunse il Maschio Angioino (dove fu ospite papa Celestino V e fu centro di un nuovo rione popolato di palazzi prncipeschi), e Giovanna d'Angi, sulla collina che domina la citt, un quarto castello, Castel Sant'Elmo. La citt divenne cosmopolita per la presenza di Genovesi, Fiorentini, Provenzali, i quali risiedettero in quartieri propri, con fondachi e chiese costruiti secondo lo stile delle terre di origine.
L'aumento dei traffici marittimi port alla costruzione del cosiddetto Porto di mezzo e di nuovi arsenali. Anticamente il porto di Napoli corrispondeva all'attuale Porto Piccolo; in epoca medievale, periodo in cui Napoli era rimasta nei limiti delle mura dell'imperatore romano Valentiniano III, al porto romano se ne aggiunse un secondo (Porto Grande). Successivamente, durante il periodo normanno e svevo, la citt non sub ingrandimenti. Lo sviluppo urbano riprese invece alla fine del XIII secolo, con gli Angioini, fu ampliata verso occidente e fu allargato il Porto Grande.
Lo sviluppo della citt continu con i successori di Carlo, soprattutto con Roberto d'Angi. Roberto (1309-1343) godette di grande prestigio, soprattutto nei primi anni del regno; in questo periodo anche l'Universit napoletana, divenne una delle pi importanti d'Europa. I gravi problemi del regno (il persistere e lo svilupparsi della feudalit e la contesa dinastica per la Sicilia) furono causa della successiva decadenza aggravata da un ulteriore problema che la rese pi rapida: le questioni dinastiche fra i vari rami degli Angioini. Durante il periodo della dominazione angioina a Napoli si verificarono alcuni eventi rimasti famosi ancor oggi: la decapitazione del giovane Corradino di Svevia nel 1268, l'assassinio di Andrea d'Ungheria (marito di Giovanna I d'Angi, l'entrata a Napoli di suo fratello Luigi, l'assedio della citt da parte di Carlo di Durazzo, in seguito Carlo III, la reggenza di Margherita di Durazzo, le epidemie di peste nel 1348, 1362 e 1399, le lotte di Luigi II d'Angi per ottenere il regno, il duro regime di Ladislao I d'Angi, gli assedi alla citt nelle lotte per la successione di Giovanna II d'Angi (1414-1435) fra Renato d'Angi e Alfonso V d'Aragona finch quest'ultimo, dopo essere penetrato nella citt attraverso un acquedotto, nel 1442 pot occupare definitivamente Napoli e metter fine alla dinastia angioina durata quasi due aecoli (1268-1442).
Gli Aragonesi
Sotto gli Aragonesi l'ingrandimento urbano di Napoli divenne molto maggiore, con la costruzione di una nuova cinta muraria che aveva ventidue torri cilindriche. Si ebbe inoltre un notevole impulso demografico tanto che la citt tocc 110 mila abitanti sul finire del XV secolo, per le continue immigrazioni, non esclusa una numerosa colonia di ebrei profughi dalla Spagna e dalla Sicilia.
Il primo dei re aragonesi, Alfonso I non seppe conquistare l'animo dei Napoletani, soprattutto per essersi circondato troppo da Catalani e per aver governato col ricorso esclusivo a soldati mercenari. Nelle pretese contrastanti fra Angioini e Aragonesi si innestava il conflitto interno fra la monarchia e i baroni, manifestatasi in episodi drammatici come la Congiura dei baroni sotto il regno del successore di Alfonso. Ciononostante Alfonso I si prodig ad abbellire Napoli che in quel periodo divenne una delle principali capitali dell'Italia rinascimentale. Protesse le arti e le industrie, introducendo nel regno la lavorazione della seta. Vari anni prima dell'avvento al papato di Niccol V, fu uno dei sovrani pi appassionati dell'antichit e favor lo studio degli antichi autori. Convennero alla sua Corte umanisti celebri come Lorenzo Valla (che proprio a Napoli compose lo scritto sulla falsa Donazione di Costantino) il Panormita (che fond una famosa accademia umanistica guidata successivamente dall'umbro Giovanni Pontano), Francesco Filelfo, Enea Silvio Piccolomini (l'umanista, in seguito papa Pio II). Per aiutare la salita la trono del figlio Ferdinando, Alfonso cedette le isole di Sicilia, Sardegna e Baleari a suo fratello Giovanni II di Aragona.
Il successore Ferdinando primo (o Ferrante) (1458-1494) continu l'opera paterna di sviluppo edilizio e di mecenatismo. Completamente italianizzato, si deve a lui l'ampliamento della cinta muraria ricordata poco fa. Fra i principali monumenti edificati sotto il suo regno basti ricordare Porta Capuana, Palazzo Como, costruito fra il 1464 e il 1490), Palazzo Diomede Carafa, costruito attorno al 1470, la facciata del Palazzo dei principi di Salerno, attualmente facciata della Chiesa del Ges Nuovo (1470 circa). Il favore popolare degli ultimi Aragonesi, soprattutto di Alfonso II, fu scarso. Dopo gli effimeri regni di Ferrandino e Federico d'Aragona, la breve apparizione di Carlo VIII e la nuova occupazione francese, nel maggio del 1503, Napoli accolse festosamente il vicer Gonzalo Fernndez de Crdoba.
Il Viceregno spagnolo
Il Regno di Napoli venne conquistato dagli Aragonesi nel 1442 e, in seguito, dagli spagnoli nel 1501, che lo tennero fino al 1707. Nel periodo di dominio spagnolo nacquero i quarteras, oggi meglio conosciuti come Quartieri Spagnoli (in vernacolo 'e quartieri), e cominci a consolidarsi il ruolo della camorra.
Il Regno borbonico di Napoli
Nel corso della Guerra di successione spagnola, l'Austria conquist Napoli e la tenne fino al 1734, quando con Carlo III di Borbone - dopo la guerra di successione polacca - il regno torn indipendente. Sotto Carlo III Napoli divenne una delle principali capitale europee, e l'opera di Carlo (che nel 1759 lasci Napoli per assumere la corona di Spagna) fu continuata dal figlio Ferdinando IV, finch non venne rovesciato dalle correnti rivoluzionarie e dalle truppe francesi nel 1799.
La repubblica partenopea
La Repubblica Napoletana sorta nel 1799 sul modello di quella francese ebbe vita breve ma intensa, non incontrando per mai il favore popolare essendo i suoi esponenti intellettuali molto lontani dalla conoscenza delle necessit reali del popolo. La Repubblica inoltre, sebbene non riconosciuta dalla Francia, fu di fatto sottoposta a una "dittatura di guerra" francese che ne limit di molto l'autonomia e la costrinse a sostenere le ingenti spese causate principalmente dalle richieste dell'esercito francese costantemente in armi sul suo territorio. A questo si aggiunse una fortissima repressione contro gli oppositori del nuovo regime che certo non aiut a conquistare le simpatie popolari (alcune fonti parlano di oltre 1500 persone condannate a morte e fucilate dopo sommari "processi politici" in tutto il Regno).
La Repubblica fu comunque spazzata via dopo pochi mesi dall'armata "sanfedista" del cardinale laico Fabrizio Ruffo, appoggiato dalla flotta inglese e formata in gran parte dai cosiddetti "lazzari" (i popolani napoletani filo-borbonici). La riconquista di Napoli da parte di Ferdinando fu per segnata dalla repressione nei confronti dei maggiori esponenti della Repubblica Napoletana, seguita da circa un centinaio di esecuzioni.
Il Regno francese di Bonaparte e Murat
Dopo pochi anni, comunque, nel 1806, Napoli fu conquistata nuovamente dai francesi (nonostante la vittoria anglo-napoletana di Maida, in Calabria). La guerra continu fino al 1808 quando tutta la parte continentale del Regno fu conquistata e posta sotto il controllo di Giuseppe Bonaparte, fratello di Napoleone.
Nel 1811 il re Gioacchino Napoleone Murat, grande urbanista, vi fece istituire la Scuola di applicazione per il corpo degli ingegneri di ponti e strade, costituitasi come Scuola superiore politecnica ai primi del XX secolo per poi essere aggregata all'attuale universit Federico II diventando, nel 1935, la prima facolt di Ingegneria in Italia. Murat sopravvisse di poco a Napoleone e fu spodestato dai Borbone; tent con un sbarco in Calabria la riconquista armata del regno, finendo fucilato, in rispetto di una legge emessa dallo stesso Gioacchino.
Il ritorno dei Borbone
Nel 1815 la citt ritorn in mano a Ferdinando e ai Borbone, con la Restaurazione successiva alla caduta di Napoleone Bonaparte. Il ritorno dei Borbone avvenne grazie al Trattato di Casalanza, firmato il 20 maggio 1815 presso Capua, in casa dei Baroni Lanza.
Napoli dopo l'Unit - Dal 1860 alla seconda guerra mondiale
Nel 1860 il Regno delle Due Sicilie, venne conquistato dai Garibaldini e dalle truppe del Regno di Sardegna. Un plebiscito sanc l'unione al Regno d'Italia. In molti territori del vecchio Regno l'opposizione al nuovo regime dur per un ventennio, con deportazioni, massacri di civili e devastazioni. Parte della guerriglia contro le forsze piemontesi si organizz con il brigantaggio.
Perso il rango di capitale, la citt rimase comunque il centro politico, economico e sociale pi importante dell'Italia meridionale. Col passare degli anni, Napoli riprese, anche se in modo effimero, il suo ruolo di principale porto del Mediterraneo: divenne il porto dalle quali partivano le spedizioni per le colonie d'oltremare (Libia, Eritrea, Somalia, il Dodecaneso e successivamente Etiopia) e soprattutto, divent il porto dal quale milioni di italiani emigrarono in Argentina e negli Stati Uniti.
Colpita duramente anch'essa, come le altre citt italiane, durante la crisi economica del primo dopoguerra, Napoli si riprese in parte durante il ventennio fascista, anche se comunque perse il ruolo di porto militare, dato che la flotta venne trasferita a Taranto.
L'economia cittadina croll all'ingresso dell'Italia nella guerra. Semidistrutta dai bombardamenti inglesi tra il 1940 ed il 1941 (che avevano in Malta una formidabile base strategica), da quelli americani tra il 1942 ed il 1943 (alla vigilia dello sbarco di Lampedusa) ed infine da quelli tedeschi tra il 1943 ed il 1945.
Dopo l'armistizio dell'8 settembre da parte del Re che firm la resa agli anglo-americani, i tedeschi occuparono la citt il 12 settembre 1943; ben presto incominciarono le rivolte degli abitanti contro l'occupazione e il colonnello Scholl il 12 settembre 1943 fece affiggere un famoso manifesto con cui proclamava lo stato d'assedio in citta, con l'ordine di "passare per le armi" ogni cittadino si fosse reso responsabile di azioni ostili con rappresaglie di di cento civili per ogni tedesco ucciso.
Dopo diversi scontri e rappresaglie contro la popolazione, il 24 settembre il Comando tedesco ordin lo sgombero di tutte le abitazioni entro 300 metri dalla linea di costa e il giorno dopo venne proclamato il "servizio obbligatorio al lavoro nazionale" generalizzato (in pratica la deportazione della popolazione attiva). Questo rappresent in pratica la scintilla che fece esplodere definitivamente la rivolta generalizzata.
Napoli fu la prima citt italiana ad insorgere contro l'occupazione militare nazista: in quattro famose giornate (dal 28 settembre al 1 ottobre 1943), la folla insorse contro i tedeschi permettendo cos, pochi giorni dopo agli anglo-americani di poter giungere in citt e occuparla gi libera, senza perdite, e proseguire verso Roma. Per queste azioni e per le sofferenze patite dalla popolazione Napoli sar tra le citt decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare