Contatta napoli.com con skype

Altri Sport
La favola di Maradona
La sua storia a puntate 46
di Mimmo Carratelli
Torniamo ai fatti di casa nostra, Diego. C un Napoli da rilanciare. Via i quattro ribelli Garella, Ferrario, Giordano e Bagni. Resta Ottavio Bianchi. Non ti sta bene.

Me la ricordo lestate del 1988. Parole come pietre. Polemiche, bizze e cose da pazzi, la grande delusione dello scudetto perduto, la guerra a Bianchi.

Dov che eri in vacanza? In Polinesia. Chiedi al Napoli di ingaggiare il tuo amico Batista. Il Napoli ingaggia Alemao. Non la prendi bene. E insisti: come mai c ancora Bianchi? Comunque, arriva luglio.

La squadra in ritiro a Madonna di Campiglio, poi si sposta a Lodrone. Le Alpi e i boschi del Trentino. Ti aspettiamo. Sbarchi a Milano e vai a Villa Eden, da Chenod, a Merano. Devi smaltire grasso e tossine. Fernando Signorini con te. Vuoi essere in forma e devi liberarti di quel dolore cronico al bacino che ti fa soffrire. Che cosa ne sanno gli altri dei tuoi dolori, degli aghi lunghissimi che ti torturano? Lombaggine artritica, vedi le stelle.

Ultimo giorno di luglio, la squadra a Storo ad allenarsi. Siamo tutti sul prato dellalbergo Castel Lodrone ad aspettarti. Poich molte cose devono essere chiarite, viene organizzata una conferenza stampa hollywoodiana. Per lincontro fra te e Bianchi. Un lungo tavolo con una grande tovaglia bianca e tredici bottiglie di frizzantino (tredici? si poteva evitare il numero infelice), ombrelloni qua e l per i giornalisti, c un sole che picchia. Come andr a finire? Guerra o pace?

Alle 10,52 una Mercedes nera si ferma davanti allalbergo. Eccoti. Maglietta blu e bermuda a fiori. E la faccia delle grandi occasioni, delle sfide memorabili. Luciano Moggi in giacca blu, pantaloni grigi e cravatta orribile. Strette di mano, suspense. Vai in camera, ti cambi la maglietta, ora rossa. Ridiscendi e via al cerimoniale.

Ti sistemi dietro il lungo tavolo fra Moggi sornione, Carletto Iuliano in abito da cerimonia ed Enrico Verga che informa Ferlaino sulla giornata storica, il presidente a Capri. Ti troviamo in forma splendida, fisico tirato, faccia serena e un cerchietto doro con diamantini al lobo sinistro. LOrso su, in camera.

Che cosa ci vogliamo dire? Come si concluder il match fra te e lOrso Bianchi?

Dobbiamo finirla con tutto quanto successo, non voglio aggiungere altro su questa storia, tutto deve finire oggi. Chiedo scusa a tutti, allallenatore e ai tifosi. Le cose che sono uscite sui giornali hanno fatto male anche ai tifosi. Per me tutto finito. Dico solo che far del mio meglio, insieme ai miei compagni, per tenere il Napoli sempre ai livelli competitivi.

Sono le tue parole. Parole di pace dopo il putiferio dellestate. Si volta pagina. Dopo la rivolta di maggio, dopo le tue stilettate, dopo gli attacchi a Bianchi. E tutto vero? Ufficialmente si. Ci tranquillizziamo.

Il primo incontro con lOrso avviene nella sua stanza. Ci vai con Moggi e ci resti venti minuti. Aspettiamo. Alle 12,47 di questo giorno indimenticabile lapparizione magica nel giardino dellalbergo, tu, Moggi e Bianchi. Fotografi scatenati, giornalisti col fiato sospeso, confusione massima. Immortalata dai flash la stretta di mano con lallenatore. La pace fatta. E la Pace di Lodrone come sar definita dai giornali.

Fai lo spiritoso. Guardando Bianchi dici: Siamo stati come Reagan e Gorbaciov. Ma Reagan, sia chiaro, ero io. Birichino. Hai voglia di un panino e ti allontani salutando tutti festosamente. E stata una giornata molto particolare. Per essere a Lodrone in mattinata, ti sei svegliato alle sette a Villa Eden. Incredibile sapendo quanto ami dormire al mattino.

Bianchi fa il serio. Dice: Quello che mi ha fatto piacere oggi la disponibilit a lavorare senza nessuna remora, senza pensare a piccoli problemi e screzi. Ma le polemiche, gli attacchi, la guerra? In certi momenti, Diego pressato da tante cose, da tante responsabilit che logico che le sue parole devono essere valutate attentamente, non superficialmente chiude lOrso.

Via tutti a Storo per la partitina. Verga tranquillizza Ferlaino per telefono, poi annuncia a sorpresa: Il presidente sta arrivando. Ha lasciato Capri, nel tardo pomeriggio piomba a Lodrone con uno dei suoi viaggi-lampo. Arriva e dichiara. Non mi sembra affatto strano che lallenatore e il capitano del Napoli si siano stretti la mano, mi sarei stupito del contrario. Felicit? Felicit.

A Storo, partitina in famiglia. Due gol di Carnevale, uno di Careca alle riserve. Hai voglia di giocare, Diego, e scendi in campo nella ripresa. Rivedremo le tue rabone, quel trucco magico quando hai la palla sul piede destro e la colpisci con laltro facendo passare la gamba sinistra dietro la destra?

Continua

Vai alla prima puntata
Vai alla seconda puntata
Vai alla terza puntata
Vai alla quarta puntata
Vai alla quinta puntata
Vai alla sesta puntata
Vai alla settima puntata
Vai alla ottava puntata
Vai alla nona puntata
Vai alla decima puntata
Vai alla undicesima puntata
Vai alla dodicesima puntata
Vai alla tredicesima puntata
Vai alla quattordicesima puntata
Vai alla quindicesima puntata
Vai alla sedicesima puntata
Vai alla diciassettesima puntata
Vai alla diciottesima puntata
Vai alla diciannovesima puntata
Vai alla ventesima puntata
Vai alla ventunesima puntata
Vai alla ventiduesima puntata
Vai alla ventitreesima puntata
Vai alla ventiquattresima puntata
Vai alla venticinquesima puntata
Vai alla ventiseiesima puntata
Vai alla ventisettesima puntata
Vai alla ventottesima puntata
Vai alla ventinovesima puntata
Vai alla trentesima puntata
Vai alla trentunesima puntata
Vai alla trentaduesima puntata
Vai alla trentatreesima puntata
Vai alla trentaquattresima puntata
Vai alla trentacinquesima puntata
Vai alla trentaseiesima puntata
Vai alla trentasettesima puntata
Vai alla trentottesima puntata
Vai alla trentanovesima puntata
Vai alla quarantesima puntata
Vai alla quarantunesima puntata
Vai alla quarantaduesima puntata
Vai alla quarantatreesima puntata
Vai alla quarantaquattresima puntata
Vai alla quarantacinquesima puntata
26/10/2004
  
RICERCA ARTICOLI