Contatta napoli.com con skype

Calcio
Benitez va al Real Madrid, arriva Sarri
di Mimmo Carratelli (da: Roma del 11.07.2019)
Benitez va al Real Madrid, arriva Sarri. La scoperta del 4-3-3: dieci gol in due partite. Il Napoli campione dinverno resiste in testa fino al confronto diretto con i bianconeri. La grande rimonta della seconda Juve di Allegri. Higuain capocannoniere da record e altri primati azzurri. Male in Coppa Italia e in Europa League.

Benitez saluta, preferisce il Real Madrid. Lascia un gruppo di giocatori eccellenti, attratti a Napoli dal suo prestigio, con i quali per non andato oltre il terzo posto.

De Laurentiis pensa in grande per un Napoli sempre pi internazionale nella stagione 2015-16. Jurgen Klopp e Unai Emery, irraggiungibili. Sinisa Mihajlovic (Sampdoria) possibile, ma il contatto fallisce per una frase infelice del tecnico serbo.

Non si sa se veramente De Laurentiis fosse rimasto colpito dalla lezione infitta dallEmpoli di Sarri al Napoli di Benitez a fine aprile (4-2). In ogni caso scommette su Sarri fra lo scetticismo generale.

Maurizio Sarri, 56 anni, bagnolese, ma tutta una vita in Toscana, ex bancario, appena apparso in serie A con lEmpoli da lui condotto nella massima divisione. Alle spalle una carriera alla periferia del calcio, per anche sei campionati in serie B.

Si favoleggia del suo calcio brillante, offensivo, dei suoi schemi, della conduzione maniacale degli allenamenti. Volano droni nel ritiro precampionato a Dimaro.

Il nuovo direttore sportivo, al posto di Alberto Bigon, Cristiano Giuntoli, 43 anni, fiorentino. Viene dal Carpi. Faccione pieno e allegro, riccioli, un talent scout. Dice: In squadra ci vogliono giocatori grossi e pesanti e giocatori piccoli e veloci, tromboni e violini.

I giocatori forti il Napoli ce li ha gi, la squadra messa su da Benitez. De Laurentiis investe 43,5 milioni al calciomercato (15,4 per Allan; 5,5 per Hysaj e 5,6 per Valdifiori, pupilli di Sarri ad Empoli). Dal Bayern ritorna Pepe Reina (luntano a Napule nun se po sta).

Si abbonano ancora in pochi (10.086). Lincasso al botteghino di 13.109.341, il doppio dellanno precedente con Benitez, secondo di poco in campionato dopo la Juventus (13.650.295).

La partita con la Roma (0-0) fa registrare lincasso pi alto (1.613.384 per 55.726 spettatori), ma al San Paolo c pi gente allultima giornata contro il Frosinone (56.452) per salutare la prima strepitosa stagione di Sarri, secondo posto e, fino a un certo punto, un emozionante testa a testa con la Juventus. Bilancio in rosso per il secondo anno, di poco stavolta (-3.211.239).

A Dimaro, Sarri replica il 4-3-1-2 di Empoli, ma Insigne trequartista non funziona e, dopo tre partite (1-2 al debutto sul campo del Sassuolo, 2-2 in casa con la Samp, 2-2 ad Empoli), si cambia. Contro il Bruges, in Europa League, gioved 17 settembre, nasce il 4-3-3 La squadra belga viene travolta 5-0 al San Paolo ed ancora 5-0 (alla Lazio, sempre a Fuorigrotta) nella replica in campionato tre giorni dopo.

Jorginho prende il sopravvento su Valdifiori, Insigne-Mertens la staffetta a sinistra.

La novit del campionato la seconda Juventus di Allegri in ritardo senza pi Pirlo, Tevez e Vidal (con Dybala preso per 32 milioni dal Palermo, pi Mandzukic, Khedira, Alex Sandro, pi due fallimenti, Hernanes e Lemina).

Arriva al San Paolo a fine settembre dopo cinque partite avendone vinta una sola, due perse e due pareggiate. E al San Paolo viene infilata da Insigne e Higuain (2-1). Clamoroso: i bianconeri con 5 punti sono lontani dieci lunghezze dalla vetta (Inter e Fiorentina).

Campionato sorprendente. Alla fine del girone dandata il Napoli campione dinverno (non accadeva dal 1989 con Maradona), due punti avanti alla Juventus.

Higuain ha segnato in dodici delle 19 giornate (sei doppiette e gol decisivi contro Chievo 1-0 e Udinese 1-0).

Il Napoli resta in testa per sei giornate. A met del girone dandata aveva accumulato un vantaggio di 9 punti sulla Juventus, poi quasi annullato. La squadra va a Torino dopo che Higuain ha deciso la terza delle sue quattro partite decisive (1-0 al Carpi).

E a Torino il Napoli irriconoscibile, Zaza lo infila all88, la Juve va al sorpasso in testa (57 punti contro 56). Il sogno finito.

La Juve fa la differenza fuori casa (41 punti, 31 il Napoli). In ogni caso, la Juve dopo lultima sconfitta (0-1 sul campo del Sassuolo il 28 ottobre) infila una straordinaria serie di 25 vittorie e un pareggio. Fantastica la rimonta nel girone di ritorno (52 punti contro i 39 dellandata).

Il Napoli cede completamente con la sconfitta di Udine (1-3) con lespulsione immediata di Sarri e quella di Higuain per doppia ammonizione. Gabriel in porta par un rigore a Bruno Fernandes. Sera avvicinato a 3 punti dai bianconeri, pass a -6 e fin il campionato a 9 punti dalla Juve.

Al primo Napoli di Sarri rimasero la conquista del secondo posto con 82 punti (come Mazzarri tre anni prima, per con 78 punti), il maggior numero di vittorie (25) e il secondo miglior attacco (80 gol), record nei primi nove anni in serie A con De Laurentiis, Gonzalo Higuain capo-cannoniere del campionato con 36 reti, record assoluto che batte il precedente di Nordahl (Milan) con 35 gol nel 1949-50.

Secondo Dybala con 19. Una tripletta e nove doppiette per il Pipita. Secondo cannoniere azzurro Insigne con 12 gol, poi Callejon 7, Hamsik 6, Mertens (una tripletta al Bologna) e Gabbiadini 5.

In Europa League, il Napoli di Sarri esce ai sedicesimi. Perde a Villarreal 0-1 (82 Denis Suarez) cinque giorni dopo la sconfitta con la Juve a Torino. La squadra simballa e, fra due pareggi in campionato (1-1 col Milan e 1-1 a Firenze), pareggia anche col Villarreal al ritorno (1-1) ed fuori.

Nel girone aveva maramaldeggiato contro il Bruges (5-0 e 1-0), il Legia Varsavia (5-2 e 2-0) e il Midtjylland (5-0 e 4-1).

In Coppa Italia, dopo il 3-0 al Verona, fuori agli ottavi in casa contro lInter (0-2) il 19 gennaio nel migliore periodo in campionato.

Il Napoli gioc 48 partite (38 serie A, 2 Coppa Italia, 8 Europa League).

Scesero in campo 23 giocatori: Reina (44 presenze, 34 gol subiti), Gabriel (4, 5 gol subiti), Hysaj (43), Maggio (15, 1 gol), Albiol (39, 1 gol), Koulibaly (42), Ghoulam (38), Chiriches (17, 2 gol), Allan (43, 3 gol), Callejon (47, 13 gol), Hamsik (46, 8 gol), Insigne (42, 13 gol), Mertens (40, 11 gol), Higuain (42, 38 gol), Gabbiadini (30, 9 gol), Jorginho (38), David Lopez (35, 1 gol), ElKaddouri (26, 3 gol), Valdifiori (15), Strinic (13), Chalobah (9, 1 gol), Luperto (1), Regini (1).

10 - continua

Leggi la prima puntata: clicca qui
Leggi la seconda puntata: clicca qui
Leggi la terza puntata: clicca qui
Leggi la quarta puntata: clicca qui
Leggi la quinta puntata: clicca qui
Leggi la sesta puntata: clicca qui
Leggi la settima puntata clicca qui
Leggi l'ottava puntata: clicca qui
Leggi la nona puntata: clicca qui
12/7/2019
RICERCA ARTICOLI