Contatta napoli.com con skype

Cronaca
Gudmorning London
Parte 40: Gogol Bordello: la napoletanita dello gypsy punk
di Laura Bonetti
A parte il candore della pelle e i tratti quasi russi, Eugene Hutz potrebbe essere napoletano. Napoli lui la ricorda nei giorni in cui faceva il lavavetri. Prima di trasferirsi negli Stati Uniti e diventare famoso con i Gogol Bordello. Di italiano ha conservato alcune parole nei loro testi e parte del nome; laltra meta appartiene a Nikolai Gogol, scrittore russo ma nato in Ucraina, che ha avuto linfluenza di esportare tradizioni e costumi ucraini in Russia. Nello stesso modo, i Gogol Bordello si prefiggono di esportare la cultura gypsy nel mondo. Allinizio avevano deciso di chiamarsi Bela Bartok, ma Hutz cambio idea dato che, secondo lui, negli Stati Uniti nessuno avrebbe riconosciuto la referenza al compositiore ungherese.

La loro musica assomiglia tanto alla nostra taranta e ha lo scopo di divertire ma far anche pensare gli ascoltatori. I temi vanno dallamore allimmigrazione e la band racchiude diverse nazionalita che vanno da Israele allEtiopia, passando per la Russia. Laltra punta del gruppo e Sergey Ryabtsev, violinista, che in precedenza era un direttore teatrale a Mosca. Sergey incanta con le sue melodie e con le sue bizzarre espressioni facciali. La band usa gli strumenti piu disparati che vanno dalla fisarmonica alle percussioni.

Venerdi hanno suonato a Londra allHammersmith Apollo e, come in ogni concerto, hanno fatto il sold out. Il pubblico e composto da persone di tutte le etae nazionalita che si riuniscono per partecipare ad una grande festa. Per due ore Eugene e compagni non smettono di suonare, cantare, ballare e intrattenere il pubblico con melodie che passano da struggenti litanie a canzoni piene di energia e dal ritmo veloce. Da intrattenitori di matrimoni di immigrati dall'Est Europa a New York a band dalla fama internazionale, la strada e stata lunga ma proficua. Well, done Mr Hutz!

Colonna Sonora: Gogol Bordello, Not a crime




9/5/2010
  
RICERCA ARTICOLI