Contatta napoli.com con skype

Cronaca
Gudmorning London
Parte 23: Linfluenza suina
di Laura Bonetti
Negli ultimi giorni si sono susseguite una serie di telefonate, da parenti di terzo grado e oltre. Loggetto era sempre lo stesso: un lungo monito nei confronti dellinfluenza suina. Hanno chiuso gl imbarchi dagli aeroporti londinesi!, entro lestate la meta della popolazione avra preso linfluenza.

E vero, il problema esiste ed e serio, soprattutto perche il qui il rischio di contagio e piuttosto elevato, basti pensare alle affollate metropolitane della mattina e della sera, i caf dove si mangia il panino, la palestra. Appena qualcuno starnutisce su un autobus o sul treno, si vedono diverse reazioni: chi si allontana lentamente dal potenziale untore, chi fa una smorfia di disgusto o chi, con improperi non troppo silenziosi, si allontana velocemente. Detto cio, questo allarmismo sta generando ansie che vanno oltre limmaginabile.

Questo tipo di influenza ha un tasso di mortalita pari a qualsiasi altra influenza e quindi non ce da preoccuparsi, o meglio non ce allarmarsi come se fosse un nuovo caso di colera. Lunica precauzione e un maggiore livello di igiene, che qui purtroppo scarseggia.
Tuttavia molti sospettano che tutta questa attenzione da parte dei media inglesi e non potrebbe avere due cause: la prima delle quali potrebbe essere quello di spingere le case farmaucetiche che dispongono dei prodotti miracolosi, che curerebbero linfluenza suina in meno di una settimana.

La seconda causa potrebbe essere distogliere lattenzione pubblica da problemi ben piu gravi nel breve e nel lungo termine, come il continuo aumento della disoccupazione e degli altri effetti della recessione.

Colonna Sonora: REM, Its the end of the world



21/7/2009
  
RICERCA ARTICOLI