Contatta napoli.com con skype

Recensioni
Il cinema sul pallottoliere 2
di Marco Fiorillo
L11 Novembre apre un altro fine settimana importante per il Cinema italiano, in corsa con ben cinque prime visioni su nove uscite totali, gi numero consistente di per s. Tra le altre quattro produzioni, tutte americane, due lungometraggi 3D, a testimonianza di una novit ormai diventata realt effettiva.

PROTAGONISTI
Il 24 Giugno del 1994 arrivava nelle sale americane Il Re Leone, successo di critica e pubblico, che riusc ad incassare 50 milioni $ dellepoca in una sola settimana.
Di certo non ha avuto lo stesso ritorno economico la riproposizione in 3D della prima storia tutta zoomorfa della Disney ma si trattato, comunque, di un successo annunciato.
Non cambia nulla nella storia di Re Mufasa e di suo figlio Simba che migliora, invece, nella nuova veste del 3D e nel rimaneggiamento dellaudio: questa la politica scelta dal produttore Dan Hahn, che ci tiene a smentire progetti relativi ad un trattamento simile da destinare ad altre pellicole disneyane.
Dagli States arrivano anche due nuove commedie.

Tratto dallomonimo romanzo dellanglosassone David Nicholls, One Day la storia damore di Emma e Dexter, per ventanni lontani eppure sempre uniti da un legame forte e indissolubile. La pellicola, diretta dalla regista danese Lone Scherfig, si presta bene alla riduzione cinematografica del libro di Nicholls, che pure partecipa alla realizzazione rendendo appieno lanima del progetto.
Protagonisti della vicenda sono Anne Hathaway e Jim Sturgess, artefici di una delicata armonia sullo schermo.

Pi giovanile e leggero invece Take Me Home Tonight, il racconto delle peripezie di tre giovani universitari alle prese col sopraggiungere dirompente del futuro, della vita da adulti.
Diretta da Michael Dowse, alla sua prima opera importante, e scritta dai fratelli Filgo, la pellicola ha il merito di trattare argomenti seriosi alla maniera duna commedia dintrattenimento, in cui la qualit passa, oltre che dalla buona resa storica degli anni dambientazione, da un cast giovane che non dispiace affatto, tra cui spiccano Topher Grace e Anna Faris.

Doltreoceano , infine, Immortals, cronaca della guerra tra Iperione, interpretato dal solito Mickey Rourke in versione dark villain, e Teseo, rappresentante delle divinit olimpiche. Action movie votato totalmente allestetica 3D, la pellicola stravolge nuovamente il mito greco in funziona di una storia sterile e poco interessante.
Oggetto duna campagna promozionale degna di 300, Immortals lascia amarezza e nulla pi.

Come anticipato, i veri protagonisti del finesettimana sono italiani. Il piccolo Antonio leroe di SaGrscia: il bambino graziato da SantAntonio intraprende un viaggio di ringraziamento per il miracolo concessogli, in una Sardegna nuova, lontanissima dallisola conosciuta dai pi.
Bonifacio Angius, al suo primo lungometraggio, entra in punta di piedi, gridando a bassa voce il proprio talento.

Ritornano sullo schermo Mattia e Kamal, protagonisti gi di Lezioni di Cioccolato nel 2007, che ritroviamo in questo secondo episodio, Lezioni di Cioccolato II appunto, firmato Alessio Federici, sostituto pi che degno di Claudio Cupellini.
I due, sempre vicini nel segno del cioccolato, vengono ulteriormente avvicinati dallamore sboccato tra Mattia e la figlia dellegiziano, Nawal, di ritorno dallErasmus.
il rilancio duna commedia allitaliana godibile ed intelligente, in cui spicca il primo caratterista straniero accolto nella penisola, Hassani Shapi, umorista unico che ruba la scena ritagliandosi il ruolo di coprotagonista.

Convince di meno lultima opera di Pupi Avati, Il Cuore Grande delle Ragazze, che porta sullo schermo il ritratto dellItalia al femminile degli anni 30, rappresentata sullo schermo dalla coppia Cremonini, che abbandona il microfono per le cineprese, Ramazzotti, giovane promessa.

Mentre stupisce positivamente un altro volto nuovo della cinematografia nostrana, quello del regista italianissimo (nonostante il nome) Roan Johnson, che racconta la vita di tre artisti della musica, alle prese con le vicende politiche degli anni 70.
Protagonisti de I Primi della Lista sono gli sconosciuti Francesco Turbanti e Paolo Cloni, accompagnati dal caratterista Claudio Santamaria, artefice dellennesima ottima prova. Johnson e Avati interpretano due passati italiani: ,in particolare, I Primi della Lista a gettare un ponte verso i tempi moderni, fin troppo vicini a quegli anni 70 fatti di trame politiche e rivolte giovanili.

In ultimo, Il Paese delle Spose Infelici, ritratto squallido della provincia tarantina raccontato da Pippo Mezzapesca.
Tra immondizia interiore e degrado ambientale si muove luniverso di Mezzapesca, che a sua volta desume largomento dalle pagine del romanzo di Mario Desiati: la pellicola, in concorso al Sesto Festival Internazionale di Roma, seppur importante per forza narrativa, piace poco per la realizzazione inconcludente.

LE SORPRESE
Tra le cinque pellicola italiane in uscita questo secondo venerd di Novembre, sorprende lopera prima di Bonifacio Angius, SaGrscia. Lemergente regista porta sulla schermo una storia mite, che fa della semplicit la propria forza, ambientata in una Sardegna che solo un sassarese doc come lui poteva presentarci cos altra, diversa. Unaltra prova dellenorme potenzialit del buon Cinema Italiano.

I FLOP E I TOP
E adesso, i peggiori di questo fine settimana:
3. Al gradino pi basso troviamo Pupi Avati. Fa storcere il naso la sua ultima pellicola, macchinosa e poco innovativa nelle tematiche, come dispiace la scelta del protagonista, prestato dalle note ai ciak: dopo pi di quarantanni di Cinema ad Avati concesso questo ed altro.
2. Medaglia dargento per la produzione italiana che convince di meno, Il Paese delle Spose Infelici.
Mezzapesca da avvio ad una buona narrazione che si perde in corso dopera, lasciando la pellicola quasi in sospeso.
1. Bocciato in pieno , invece, Immortals. Accozzaglia di combattimenti e richiami fin troppo vicini alla copia di cui vanno incolpati i produttori Gianni Nunnari e Mark Canton, fin troppo frettolosi di anticipare luscita nelle sale del reeboot Superman, ultimo lungometraggio dellavversario di sempre Zack Sneyder.

Infine, i promossi:
3. Medaglia di bronzo alla nuova versione de Il Re Leone. Nonostante sembri semplice vanesia la scelta di riadattarne la grafica ai tempi moderni, risulta comunque un progetto azzeccato che unisce, nel segno della nostalgia e della tecnologia, le vecchie e le nuove generazioni.
2. Si aggiudica il secondo posto One Day. Lattesa degli spettatori, siano o meno essi fruitori del romanzo di Nicholls, premiata da una commedia lineare e godibile, un intrattenimento di qualit che non necessit di esagerate vesti grafiche.
1. Primo della classe , infine, Lezioni di Cioccolato II. Simile per caratteristiche di fruizione allamericano One Day, dimostra come lItalia possa dire la propria anche con pellicole meno impegnate ma egualmente qualitative: tutto merito della coppia Argentero- Shapi, diretta da Federici.

BOX OFFICE

Continua il dominio de I Soliti Idioti, che raggiunge gli 8 milioni e mezzo di incassi in dieci giorni di programmazione.
Come auspicabile, trova due ottimi concorrenti nelle new entry Immortalse Il Re Leone 3D, che incassano rispettivamente 1.788.434,12 e 1.442..357,67 .

Meno fortuna incontrano gli ingressi tricolore anche se tiene ancora banco La Peggiore Settimana della mia Vita: un dato che dovrebbe far riflettere.

Si prepara una settimana di fuoco per i botteghini italiani, con larrivo nelle sale dellattesissimo The Twilight Saga: Breaking Down-Parte 1.
15/11/2011
  
RICERCA ARTICOLI