Contatta napoli.com con skype

Cultura
Aspettando Capri
di Alessandra Giordano
Tanto si scritto su Capri. Tutto stato detto, raccontato, filmato. Lisola da sempre un mito decantato nel mondo. Ma il libro Aspettando Capri, presentato gioved 18 nella sala Rari della Biblioteca Nazionale affollata nonostante le difficolt di un giorno prenatalizio - ha senza dubbio delloriginalit. Innanzitutto il suo autore, Ermanno Corsi, giornalista di razza, presidente dellordine dei Giornalisti della Campania, caporedattore della Rai di Napoli, caprese di adozione, grazie alle figlie; e poi il contenuto della sua ultima fatica: trenta personaggi, pi o meno noti, da lui intervistati in occasione del premio Capri-S.Michele, dichiarano il loro amore per questisola, lasciandosi andare ai ricordi, speranzosi in unipotetica beatificazione della loro creatura, troppo spesso preda di orde sconsiderate. Ma Capri e Anacapri rappresentano soprattutto un punto di partenza per Corsi, quasi una scusa, per esplorare, tra riflessioni e malcelate ironie, lanimo umano ricco di mille sfaccettature. E cos Raffaele La Capria o Luca di Schiena, Roberto Ciuni o Ortensio Zecchino, Giovanni Giordano Lanza o Corrado Beguinot, Pietro Lezzi, Carlo Rolandi, Luca Corsero di Montezemolo o Corrado Ferlaino, sullo sfondo dellisola, si confessano e si raccontano. Trenta ritratti, dunque. In realt, trenta storie damore. Trentuno, rileva il Direttore della Biblioteca Mauro Giancaspro che, nella duplice veste di relatore e padrone di casa ha indicato in Ermanno Corsi quel ritratto in pi che aleggia in tutte le pagine del volume edito da Mario Guida con la colta prefazione di Francesco Paolo Casavola. A commentare la novit editoriale cerano anche lAssessore alla cultura e al turismo della Regione, Teresa Armato, il Presidente di Italia Nostra, Guido Donatone, lAssessore al Turismo di Anacapri, Mario Staiano. Chi ha dato di pi allaltro? si chiede lautore La cultura a Capri o Capri alla cultura?. La domanda rimane ovviamente senza risposta, come il Godot beckettiano da sempre aspettato e mai giunto, che per alimenta le fantasie e la speranza in termini esponenziali.
19/12/2003
  
RICERCA ARTICOLI