Contatta napoli.com con skype

Cultura
Insoliti... versi
Una raccolta di versi napoletani di Lello Florio
Un'insolita raccolta di versi liberi in vernacolo "non corretto", questa pubblicazione che Lello Florio ha dato alle stampe per le Edizioni del Delfino di Adriano Gallina.
La prefazione dell'Autore e la dedica di Antonello Grosso, che trascriviamo, ben rappresentano l'immagine poetica e la sensibilit artistica di Lello Florio.
Dedicato a Giulia
Nel corso del cammino della vita di ogni uomo, a causa degli accadimenti che lo circondano esplodono emozioni e si manifestano stati d'animo diversi che, a seconda della loro intensit, si stampano in maniera pi o meno indelebile nella mente, nel cuore e nell'anima.
Quando questo accade, non per effetto di una situazione reale ma solo perch qualcuno ha creato in te una tale scossa emotiva, allora vuol dire che in quel qualcuno si nasconde una grande sensibilit ed Arte.
Questo successo a me quando ho conosciuto il Maestro Lello Florio a cui sono grato per aver riaperto le porte del mio cuore ai valori eterni e fondamentali della nostra breve vita e per avermi dato la possibilit di condividerla con gli altri attraverso questa opera.
Antonello Grosso

Prefazione
La raccolta intitolata: "Insoliti versi" perch l'idioma usato non corrisponde a quelli che (secondo alcuni) sono i canoni della poesia in vernacolo.
Ho trascritto i miei pensieri nel linguaggio dialettale moderno perch non volevo permettere che un dialetto poetico, che usa ancora oggi una terminologia per me "obsoleta", facesse perdere la profondit e la forza degli argomenti trattati e da me profondamente sentiti.
Ai dotti ed ai poeti, che possono non condividere questa mia disquisizione, chiedo di considerare la stesura dei miei versi come un'ulteriore: "Licenza poetica".
E poi, perch non mi ritengo un poeta, ma piuttosto un "narratore dei sentimenti".
Queste esternazioni, nelle quali chiunque si pu identificare, sono venute fuori in versi e rime che hanno risonanze musicali, quindi: "Insoliti versi"
Un ringraziamento va ad Antonello per la sua grandissima sensibilit d'animo e per aver trasformato un mio sogno in realt: il presente libro.
5/12/2003
  
RICERCA ARTICOLI