Cronaca
Gudmorning London
Parte 11 - La tragedia abruzzese vista dagli occhi inglesi
di Laura Bonetti
Domenica scorsa, l’Italia e’ stata colpita da un terremoto che ha provocato piu’ di 270 morti. L’epicentro e’ collocato nel capoluogo abruzzese de L’Aquila, che, insieme ad Onna e Castelnuovo, e’ stata la citta’ piu’ colpita. Migliaia di persone sono rimaste senza una casa e sono state costrette a trasferirsi nelle tendopoli adibite dalla protezione civile. Molti studenti sono stati coinvolti nella tragedia. L’Universita’ de L’Aquila infatti raccoglie un gran numero di studenti provenienti dal Sud, molti dei quali vivevano presso la Casa dello Studente che e’ crollata, come un castello di carta. Purtroppo anche alcuni campani sono stati coinvolti nella calamita’.

Tragedie di questo tipo generano tanta solidarieta’ e comportano un tam-tam di aiuti da tutte le parti del mondo. Allo stesso tempo fanno si’ che “gli stranieri” imparino, anche se in contesti non proprio positivi, qualcosa in piu’ riguardo la nostra storia e la nostra cultura. Molti inglesi non sapevano nemmeno dove fosse la citta’ de L’Aquila e si sono chiesti quanto distasse da Napoli. Altri ignoravano che l’Italia si trovi su tre diverse placche tettoniche e che fosse soggetta a terremoti. Certo conoscono il Vesuvio per esempio, ma maggiormente solo per un motivo turistico e perche’ lo collegano alle “lovely Pompei and Ercolano”.

La popstar Madonna ha donato diverse migliaia di sterline alla citta’ colpita dal terremoto, citta’ che ospitava suoi antenati. Organizzazioni come Save the Children hanno organizzato fondi per le popolazioni colpite, soprattutto per i bambini. La Croce Rossa Italiana e la Caritas stanno facendo altrettanto. Moltissimi amici e conoscenti hanno chiesto come possono aiutare e quali sono le organizzazioni piu’ serie.

Di fronte a catastrofi come questa, e’ inutile fare polemica. Bisogna darsi da fare proattivamente e sperare che in futuro si possano limitare tragedie del genere. Un accorato saluto da Londra.

Colonna Sonora: Jeff Buckley, “Hallelujah”


11/4/2009
  
RICERCA ARTICOLI