Contatta napoli.com con skype

COMMENTI ALL'ARTICOLO:
Odore di caff
Caff e Santa Chiara ....
Mi ha fatto piacere la recensione del libro sull'abitudine del caff.
Mia nonna (la madre di mia madre) era di Napoli. Si chiamava Gemma.
E' lei che mi ha insegnato a bere il caff.
Quando ero piccolo faceva quella che chiamava la "Santa Chiara", ossia rimetteva l'acqua nel serbatoio dopo che era stato fatto il caff di primo filtro. Il caff dei bambini, insomma.
In varie occasioni ho anche provato a disimparare l'abitudine, ma sono stati tentativi. Il pi vistoso di questi durato diverse settimane. Poi mi venne un mal di schiena memorabile, che non voleva saperne di andarsene via.
Non ho mai capito se ci sia stato un rapporto di causa ed effetto, ma insomma, da allora non faccio pi tentativi.
L'unica cosa che sono riuscito a fare ridurre lo zucchero al minimo necessario.
Una volta l'ho bevuto anche senza zucchero, e non me ne ero quasi accorto.
2006-05-03 14:41:49 - Mario Tosti

Caff napoletano
Io non sono di Napoli, ma piuttosto di estrazione toscana.
Ho conosciuto Napoli frequentando l'Istituto Orientale di Napoli.
In quei giorni ho conosciuto il caff come solo a Napoli "se sape fa'".
Quindi senz'altro sono un "fanatico" del caff fatto alla "napoletana": questa anche una bella carta da visita di Napoli!
2004-09-27 16:24:56 - marcello sassoli

Odore di caffe' (e altri ricordi)
L'odore del caff legato alla mia adolescenza, quando la mattina mio padre me ne portava la prima tazzina per invogliarmi a iniziare la giornata e la scuola.
Piu' tardi ancora, ricordo che mi svegliava presto prima che andassi al lavoro.
L'aroma del caff accompagnava il suo sorriso.
Molti anni dopo, ancor oggi, che il caff lo bevo solo decaffeinato, quel profumo mi ricorda la sua voce e la macchinetta "napoletana" di tanto tempo fa con l'acqua che bolliva in una cucina un po' scura, dove la luce arrivava da una finestrella posta troppo in alto per aprirla da sola.
2004-09-26 17:50:28 - M. Gabriella Nicolini

RICERCA ARTICOLI