Contatta napoli.com con skype

Cronaca
Il Giudice di Pace
Giustizia in crisi Prima puntata
di Fabrizio Cattaneo
Alcune settimane fa, su Rai 3 una trasmissione televisiva denunciava la gravissima crisi organizzativa della Giustizia a Napoli. Molti napoletani si sono sorpresi, altri hanno scoperto un mondo assurdo di disorganizzazione ed abbandono.

Gli avvocati hanno rilevato che quel che si visto in TV era solo la punta di un iceberg mentre la realt sicuramente peggiore ed al di l di ogni umana immaginazione. Senza entrare nei dettagli pi tecnici, basta pensare che fra la decisione di una causa e la pubblicazione della sentenza di un Giudice di Pace passano diversi mesi, a volte un anno, ma come se non bastasse, fra la pubblicazione della sentenza e la possibilit di avere una copia della stessa, passano minimo altri sei mesi. In pratica questo vuol dire che fra quando, dopo un iter pi o meno lungo, la causa stata finalmente decisa, e quando il cittadino potr leggere la tanto agognata sentenza, passano circa due anni (per fare una fotocopia!!!) Spesso poi ottenuta la sentenza di condanna dovr iniziare un vero calvario per ottenere la esecuzione della sentenza, sia essa di condanna ad un pagamento che ad un facere.

Questa assoluta disorganizzazione in realt non addebitabile alla mancanza di volont degli addetti ai lavori, Giudici di Pace, cancellieri ed impiegati vari , pur animati da grande buona volont, si scontrano quotidianamente con una grandissima mole di lavoro, inutili ed antiquati adempimenti, uffici vecchi polverosi e pericolosi, sistema informatico ed attrezzature fax e fotocopiatrici obsolete o quasi inesistenti. Su questa realt ormai in stato comatoso, anzi in avanzato stato di decomposizione, si abbattuta una malaugurata e pessima riforma del processo relativo alle controversie aventi ad oggetto il risarcimento in caso di morte o lesioni derivanti dalla circolazione stradale.

Fino ad ieri la causa relativa ad un sinistro automobilistico con lesioni ed un danno di valore fino a 15.493.71 innanzi al Giudice di Pace, veniva proposta con atto di citazione notificato dal sinistrato al responsabile del sinistro ed alla sua assicurazione. La causa veniva poi iscritta a ruolo fino a tre giorni prima delludienza, fissata mediamente a distanza di 30/60 giorni dalla notifica. In circa il 50% dei casi la compagnia assicuratrice provvedeva a contattare lavvocato dellattore ed a chiudere il sinistro con il pagamento del risarcimento.

Pertanto solo una parte delle cause veniva iscritta a ruolo cio portata innanzi al Giudice di Pace. La sciagurata riforma invece obbliga lavvocato ad iniziare tali cause con ricorso ovvero con una domanda completa in ogni sua articolazione anche istruttoria ( prove consulenze etc.etc.) da depositare innanzi al Giudice di Pace.

A questo punto la frittata fatta, gli uffici gi al collasso dovranno procedere allapertura del fascicolo, la causa dovr essere esaminata dal Giudice di Pace dirigente il quale la assegner al Giudice di Pace incaricato, il quale dovr fissare ludienza di comparizione, lavvocato poi dovr richiedere le copie del ricorso e decreto, la cancelleria dovr predisporre tali copie, lavvocato dovr ritirarle e passarle allufficiale Giudiziario per la notifica. Finalmente il responsabile del sinistro o la sua assicurazione verranno a conoscenza della domanda e potr iniziare la trattativa per la definizione del risarcimento.

Non vi sar pi la possibilit di definire la lite prima che il giudizio sia iscritto a ruolo ed facile immaginare che il lavoro del Giudice di Pace raddoppier. Raddoppieranno i costi della causa, i costi sostenuti dalle assicurazioni e cos le tariffe assicurative. E ovvio infatti che, mentre la liquidazione delle competenze ad un avvocato che aveva proposto un atto di citazione aveva un valore, oggi la liquidazione di un ricorso depositato ed iscritto a ruolo ha almeno il triplo del costo. Questa riforma produce poi un inutile allungamento dei tempi morti. Nonostante le buone intenzioni, la situazione di collasso degli uffici non consentir di fissare le udienze di comparizione, la richiesta delle copie e tutti gli adempimenti necessari nel rispetto dei termini fissati dalla legge. Infine una piccola valutazione di ordine prettamente giuridico: nel giudizio proposto con citazione la parte poteva esibire e depositare nuove prove e nel caso di specie, altri certificati medici attestanti la malattia, il grado di invalidit o eventuali ulteriori aggravamenti.

Nel caso di lesioni quindi la parte lesa dava inizio al giudizio anche prima della completa guarigione, confidando quindi nella guarigione in corso di causa e nella possibilit di attestare successivamente la definitiva percentuale di danno, detto in parole povere, visti i tempi biblici della giustizia, si anticipava un po. Ora invece il danneggiato che abbia subito lesioni, dovr aspettare la definitiva guarigione ovvero il definitivo accertamento dei postumi invalidanti prima di iniziare la causa, con il ricorso, essendogli preclusa la possibilit da tale rito di esibire ulteriori documenti in corso di causa.

Il neoeletto Consiglio dellOrdine degli Avvocati presieduto dall Avv. Prof. Francesco Tortorano ,con gran piglio, ha deciso di affrontare questi gravi problemi sotto il duplice profilo dellesame dellorganizzazione degli uffici del Giudice di Pace e dellinformazione e studio di tale sciagurata riforma. E cos il 28 Aprile una assemblea degli avvocati presso gli Uffici del Giudice di Pace alla ex Caserma Garibaldi affronter il tema della organizzazione degli uffici ed eventuali soluzioni o rimedi, nel contempo, con il consueto impegno di tutto il Consiglio e con il lavoro costante di coordinazione del segretario del Consiglio avv. Francesco Caia., si sono tenuti e si terranno nei prossimi giorni convegni e incontri sulla riforma del processo per infortuni da circolazione stradale. Allultimo convegno,tenutosi la settimana scorsa presso la Mostra dOltremare, hanno partecipato oltre duemila avvocati. Questo la dice lunga sul disagio provocato da tale riforma.

(*)Sono di competenza del Giudice di Pace le cause relative ai beni mobili di valore non superiore a 5 milioni di lire (2.582,28 Euro)*, quando dalla legge non sono attribuite alla competenza di altro Giudice, e le cause concernenti la circolazione di veicoli e di natanti purch il valore della controversia non superi i 30 milioni di lire (15.493,71 Euro)**.
Per cause civili di valore fino a 2 milioni di lire (1.032,91 Euro) ***, se le parti interessate ne fanno richiesta, il Giudice di Pace decide secondo equit.)
(Giustizia.it - Cosa fa il Giudice di Pace nella materia civile )
25/4/2006
  
FOTO GALLERY
RICERCA ARTICOLI