Contatta napoli.com con skype

Spettacoli
Viaggio tra i nuovi autori
Rassegna teatrale presso Spazio Libero - NA
14-15-16 aprile: FIGLI DI MADRE dramma di Cristina Gallingani, regia di Cristina Gallingani;
28-29-30 aprile: V.I.T.R.I.O.L. di Paola Scialis;
11-12-13-14 maggio: LA CENA DI GIOVEDI di Daniela Garofalo, regia di Lina Perrella

Spazio Libero Teatro
Via del Parco Margherita 28/b - 80126 Napoli (NA)

INFO:
339 7638621 - 347 7595542 - FAX 081 2142690 - dangard12@libero.it oppure: 081.402712 (biglietteria) - 081. 5491117 (direzione)

Prossimo spettacolo: FIGLI DI MADRE
di Cristina Gallingani
con Massimiliano Buldrini e Vincenzo Poidomani
tecnico audio-luci: Luca Tanieli
consulenza del gruppo TILT
Sulla scena due giovani di oggi che "galleggiano" nella vita in una normalit assolutamente asfittica. Ciascuno porta con s i traumi dell'infanzia, dovuti soprattutto all'inconsueto rapporto che li fa "figli di madre", figli della stessa madre e di due padri diversi. Antonio, il pi grande che vive al Nord, ha avuto una famiglia normale, cio normalmente assente; la madre (Anna) che si giostra la vita tra la casa e i suoi turni di infermiera in ospedale, e il padre, camionista, in giro sulle strade d'Europa; Beppe, di qualche anno pi piccolo, cresciuto in Sicilia col padre e la nonna: il padre, che ha avuto questo figlio in eredit da un'avventura estiva di Anna, una presenza forte, la cui severit ben compensata da una nonna affettuosa. La mamma solo una presenza lontana...
Beppe e Antonio si sono frequentati fin dall'infanzia, perch Beppe passa i periodi di vacanza presso la madre. Una situazione insolita si verifica quando, assenti entrambi i genitori di Antonio, i due fratelli si trovano faccia a faccia senza mediazioni: il dramma isola questo momento.
Le quattro pareti di quella stanza divengono il simbolo di una umanit sequestrata da se stessa, ripiegata in una individualit dolente e corazzata, dove anche l'incontro si trasforma in scontro e delirio di un'immaginazione alimentata dalla paura del vivere e dalla solitudine.

Lo spettacolo stato semi-finalista al Premio Scenario 2005.
13/4/2006
RICERCA ARTICOLI