Contatta napoli.com con skype

Cultura
Teresa Del Po eccellentissima pittrice
di Achille della Ragione
Teresa Del Po (Roma 1649 Napoli 1713) fu figlia ed allieva del pittore Pietro e di Porsia Compagna e sorella di Giacomo. Nacque il 20 agosto del 1649 a Roma dove la famiglia si era trasferita da due anni e l cominci la sua attivit artistica della quale niente sappiamo, ma dovette essere notevole perch le permise, fatto del tutto eccezionale in quegli anni per una donna, di entrare a far parte dellAccademia di San Luca senza il corso della solita bussola, ma per i meriti di pittrice, diligentissima miniatrice ed accuratissima intagliatrice in acqua forte, come ci racconta il Pascoli, una specialit prediletta dallartista anche a Napoli dove si trasfer con la famiglia nel 1683 al seguito del marchese del Carpio, come ci conferma il De Dominici: incontr largamente il consenso di molti signori che concorsero per ottenere sue miniature e pitture fatte con pastelli, ritratti e mezze figure di santi.

A partire dal 1678 cominci a firmarsi con lappellativo di Accademica romana e lavor come illustratrice di libri, sia devozionali che profani, eseguiti a tempera o su pergamena; inoltre trasferendo su carta i lavori del fratello Giacomo. Nel 1687 dimor con la famiglia a Benevento, dove il padre era stato chiamato per dipingere nel duomo della citt. Teresa elabor alcune incisioni dellArco di Traiano e ritrasse alcuni illustri personaggi locali. Il De Dominici ci riferisce che anche sua figlia Vittoria Vergilli, sotto la sua istruzione, si dedic alla miniatura raggiungendo buoni risultati, anche se non raggiunse mai la perfezione della madre nel disegno e nella forza del chiaroscuro.

Poco ci rimasto della sua produzione di brillante e raffinata pittrice specializzata, con molti anni di anticipo sulla pi celebre Rosalba Carriera, nella tecnica del pastello, talvolta alternata a quella della tempera su pergamena, come nel caso dei due dipinti: Pan e Siringa(fig. 1) ed Apollo e Dafne(fig. 2), firmati e datati 1698 e conservati nella raccolta di Marco Grassi a New York, i quali, pur riprendendo prototipi maratteschi, peraltro diffusi ampiamente anche a Napoli, replicano noti dipinti del fratello Giacomo. Nel museo nazionale di Palermo si trovano un Ritratto di Don Pedro de Moncada, firmato e databile al 1700 ed una Santa, firmata e datata 1705; nel Gabinetto dei disegni e delle stampe del museo di Capodimonte vi un Ritratto di gentiluomo(fig. 3 ), firmato e datato 1708, che predede alcuni rari ritratti ad affresco del fratello, quali quelli di Giacomo e Giovan Domenico Milano siti nella sacrestia della basilica di San Domenico a Napoli; mentre nel museo di Nantes si trova una Maddalena(fig. 4) firmata e derivata da quadri di Giacomo; infine nella cattedrale di Tursi in Basilicata vi era un pastello firmato raffigurante unAddolorata, andato distrutto in un incendio nel 1998.

Un recente ritrovamento di un documento testimonia nel 1696 il pagamento di 200 ducati per due miniature ovali richieste dal principe di S. Agata. Numerosi sono i lavori di incisione che ci sono giunti, a dimostrazione di un percorso artistico chiaro e definito che ha inizio a Roma con un gruppo di stampe tratte dai dipinti che Pietro, il padre, realizz per la cattedrale di Toledo, in cui rivivono chiare inflessioni di classicismo bolognese e accenti di matrice poussiniana.
Le stampe napoletane della Del Po - dall'antiporta per la Progymnasmata physica (fig. 5) del celebre medico e filosofo Tommaso Cornelio, alla Veduta del Vesuvio in eruzione del 1694 su disegno di Giacomo - costituiscono altrettanti modelli sia per la finezza di incisione e la padronanza della tecnica acquistata con la lunga pratica romana, sia per l'effettiva mancanza di botteghe specializzate per la formazione di incisori. Tra le sue ultime opere la nota incisione raffigurante l'Apparato funebre(fig. 6) eretto nel 1694 nella chiesa di S. Giovanni a Carbonara in onore del giovane Antonio Miroballo. La grande "macchina", detta anche con un termine seicentesco "castellana", era stata ideata da Lorenzo Vaccaro come un'architettura aperta, dall'andamento lineare mosso e vibrante, carica di elementi decorativi. Ad un gusto gi rococ risponde in pieno l'opera dellartista, superando le durezze del mezzo tecnico per una resa densa di ombre, quasi pittorica. La stampa inoltre significativa come documento atto a fornire l'immagine di uno di quei sontuosi apparati in uso nell'et barocca, volutamente effimeri, per le ricorrenze festive e funebri. Nella memoria dei Funerali nella morte del signore d. Antonio Miroballo ... edita a Napoli nel 1695, oltre alla "castellana" c' il ritratto del giovane defunto, una delicata acquaforte ritoccata a bulino, che testimonia la nota abilit ritrattistica della Del Po.
Mor a Napoli il 5 agosto 1713.

Bibliografia
Mongitore A. Memorie dei pittori..siciliani(edizione del 1977 a cura di Natoli E.), pag. 26, 41, 91, 135, 140 seg. Palermo 1719 1742
)Pascoli L. Vite de pittori, scultori ed architetti moderni, II, pag. 100 Roma 1736
De Dominici B. Vite de pittori, scultori ed architetti napoletani, III, pag. 515 e sg. Napoli 1742 45
Dalbono C. T. Storia della pittura in Napoli e in Sicilia dalla fine del 1600 a noi, pag. 410 Napoli 1859
Ceci G. Bibliografia per la storia delle arti figurative nellItalia meridionale, I, pag. 57 Bari 1911
Giannone O. Giunte sulle vite de pittori napoletani, pag. 177 Napoli 1941
Valente C. Larte nella Basilicata. Guida artistica della regione di Orazio, Potenza 1948
Prota Giurleo U. Pittori napoletani del Seicento, pag. 69 Napoli 1953
Doria G. Bologna F. Mostra del ritratto storico napoletano(catalogo), pag. 52 53, num. 71 Napoli 1954
Prota Giurleo U. Notizie sui pittori del Po, in Il Fuidoro, da pag. 259 263 Napoli 1955
Perrone Capano F. Observacione sobre algunas raras estampas napolitanas del ultimo decenio del seicento, in Archivio espanol de arte, XLIV, pag. 435 e sg. 1971
Rabiner D. N. The paintings of Giacomo Del Po tesi di dottorato(Universit del Kansas 1978), pag. 2 1980
Prosperi Valenti Rodin S. in Incisori napoletani del 600(catalogo), pag. da 191 a 202 Roma 1981
Omodeo A. Grafica napoletana del 600, pag. 28 60 Napoli 1981
Grelle Iusco A. in Arte in Basilicata, pag. 130 Roma 1981
Catello E. in Seicento napoletano. Arte, costume e ambiente, pag. 439 441 Milano 1984
Rabiner D. Teresa del Po: a Pre Rosalba Pastel portraitist, in Womans art journal, pag. 17, fig. 1 1984
Bellucci E. in Civilt del Seicento a Napoli(catalogo), II, pag. 450 Napoli 1984
Barletta S in Civilt del Seicento a Napoli(catalogo), II, pag. 471 Napoli 1984
Starita L. in Civilt del Seicento a Napoli(catalogo), II, pag. 479 Napoli 1984
Starita L. Lincisione a Napoli tra la fine del XVII secolo e linizio del XVIII, in arte cristiana,LXII, da pag. 33 a 38 1984
Delfino A. Documenti inediti per alcuni pittori napoletani del600, in ricerche sul 600 napoletano, pag. 103 Milano 1985
Wiedmann G. Documenti sulla presenza a Roma dei Del Po, in Ricerche sul 600 napoletano, pag. 251 254 Milano 1986
Spinosa N. Pittura napoletana del Settecento, II, pag. 56 57 165, fig. da 371 a 374 Napoli 1986 - 87
Heller N. - Women artist: an illustrated history New York 1987
Boscia M. Appunti per una storia della tipografia e della vita culturale di Benevento del XVIII secolo, pag. 90 Napoli 1988
Catello A. in Dizionario biografico degli Italiani, ad vocem, pag. 240 242 1990
Pinto R. La pittura napoletana, pag. 409 - 410 Napoli 1998
della Ragione A. - Pittori napoletani del Settecento. Aggiornamenti ed inediti, pag. 17 70, tav. 48 - 49 Napoli 2010
della Ragione A. - La pittura del Seicento napoletano(repertorio fotografico), pag. 30 Napoli 2011

27/7/2011
FOTO GALLERY
RICERCA ARTICOLI