Contatta napoli.com con skype

Cronaca
Palazzo Salerno cade a pezzi
di Angelo Forgione
Non bastavano le scritte sul colonnato di San Francesco di Paola; la Piazza del Plebiscito abbandonata non poteva accontentarsi dei marmi rotti dellemiciclo, delle finestre di palazzo reale fatiscenti, del buio dellilluminazione artistica neutralizzata e del maxi-schermo sotterrato tra le due statue equestri anchesse sporche di vernice. A tutto questo scenario deprimente si aggiunge ora anche la criticit del prestigiosissimo Palazzo del Principe di Salerno, ledificio neoclassico sul lato mare, che cade letteralmente a pezzi.

I danni alla facciata sono visibili a occhio nudo e sono anche seri. A cominciare dal frontone su cui una notevole infiltrazione dacqua, evidenziata da una vistosissima macchia verde (foto 2, 3, 4), ha deteriorato gli intonaci e i capitelli decorativi. Capitelli che sono venuti gi un po dappertutto (foto 3, 4, 5 6); su sedici presenti ben cinque sono completamente sgretolati e pressoch inesistenti, da ricreare ex-novo.

Cedimenti strutturali sono riscontrabili anche nelle parti inferiori di alcuni balconi che mostrano le armature portanti a vista (foto 7) e delle pericolose frammentazioni (foto 8). I sostegni di emergenza ad uno degli infissi sul lato palazzo reale (foto 8) parlano chiaro: su quel versante c un imminente pericolo fronteggiato durgenza. Alcune tubature a vista (foto 11) e le grosse crepe inquietano e non promettono nulla di buono.

Che la situazione sia davvero grave lo conferma linstallazione su tutta la lunghezza della facciata di unimpalcatura di contenimento (foto 10) come misura di sicurezza per caduta da intonaci.
Il Palazzo, bene ricordarlo, di notevole rilevanza storica, anche rispetto al progetto architettonico che ha portato allattuale configurazione della piazza. Edificato nel 1775, fu inizialmente sede dei corpi militari scelti dellesercito borbonico, poi dimora del Ministro John Acton e in seguito sede dei Ministeri di Stato del Regno prima delledificazione di Palazzo San Giacomo, allorch divenne dimora del Principe di Salerno Leopoldo di Borbone, figlio di Ferdinando IV, da cui prende il nome definitivo. Oggi il palazzo sede del Comando Logistico Sud.

Un palazzo storico che con le sue crepe si inserisce nel degrado della piazza e che dimostra una volta di pi come i monumenti italiani cadano a pezzi senza fondi per la manutenzione straordinaria di competenza del Governo centrale e senza cura ordinaria che spetterebbe invece alle amministrazioni locali.

23/3/2010
FOTO GALLERY
RICERCA ARTICOLI