Contatta napoli.com con skype

Cultura
Riapre la chiesa di S. Agostino degli Scalzi
di Achille della Ragione
Finalmente, dopo una chiusura durata decenni ed un amorevole restauro diretto dalla dottoressa Lucia Arbace per conto della Soprintendenza, viene restituita al suo splendore una delle chiese pi famose di Napoli: S.Agostino degli Scalzi, conosciuta anche come S.Maria della Verit e prima della riapertura definitiva, oramai imminente, visitabile sabato e domenica prossimi, 5 - 6 aprile per iniziativa della Fai.

Fondata nel 1592 dai padri Agostiniani si affacciava anticamente su uno slargo, creando una quinta di notevole effetto scenografico, completamente scomparsa dopo lunghe e complesse vicende urbanistiche, che hanno ridotto notevolmente il godimento della facciata.
Durante linterminabile chiusura dovuta a gravi problemi statici, provocati dai frequenti terremoti che scandiscono la vita della citt, la chiesa stata continuamente visitata dai ladri, i quali hanno fatto scempio dellinterno, trafugando paliotti daltare, acquasantiere, suppellettili sacre e perfino intagli in legno dorato. Di conseguenza il fantasmagorico tripudio cromatico che caratterizzava il sacro edificio stato irrimediabilmente perduto e non ne resta che il ricordo immortalato in alcune scene del film di Vittorio De Sica Loro di Napoli, con il famoso episodio della pizzaiola interpretato dalla (allora) procace Sophia Loren.

I dipinti pi famosi di Mattia Preti, di Luca Giordano e di Massimo Stanzione sono da tempo al sicuro nel museo di Capodimonte e l rimarranno per la gioia dei visitatori, ma sono ritornate, numerose tele, accuratamente restaurate, di pittori ritenuti minori, al cospetto di tanti grandi, che popolano il secolo doro. Sono opere di Agostino Beltrano, di Giuseppe Marullo, di Francesco Di Maria, artisti ai quali dedicato poco spazio sui libri di storia dellarte, assenti nei musei e difficili da ammirare anche nelle ricchissime chiese napoletane.
Per chi volesse conoscere pi approfonditamente i primi due consiglio i miei saggi monografici consultabili in rete.
http://www.guidecampania.com/dellaragione/articolo43/articolo.htm
http://www.guidecampania.com/dellaragione/articolo28/articolo.htm

Sulla volta si esibisce in pregevoli stucchi dallesecuzione raffinata Domenico Antonio Vaccaro, il quale sul finir del Seicento, superata lenfasi barocca, punta oramai verso una pi leggera ed aggraziata sensibilit settecentesca, mentre laltare maggiore, per il quale sono allopera il Guglielmelli e Bartolomeo Ghetti circondato da dipinti di varie dimensioni e di notevole fattura. Le tele sono di Giacomo Del Po eseguite nel 1693 e nel 1695 e di Andrea dAste, che completa nel 1710 una Nascita di Ges ed una Adorazione dei Magi, entrambe di altissima qualit, difficile da reperire in altri esempi di questo poco noto allievo del Solimena.

Una visita di grande interesse e per chi vorr farla con la guida del sottoscritto appuntamento sabato e domenica alle ore 11.

Foto di Maddalena Iodice
4/4/2008
FOTO GALLERY
RICERCA ARTICOLI