Cronaca
Militari italiani organizzano corso di specializzazione per guardie archeologiche
Il governatore della provincia di Dhi Qar consegna un attestato ad una guardia archeologica
Si è concluso in questi giorni il 6° corso di specializzazione per la formazione di 20 guardie archeologiche da destinare al Corpo provinciale della Guardie A.S.P. (Archaeological Special Protection) che saranno impiegate presso il museo di An Nasiriyah a tutela del patrimonio culturale ed archeologico della provincia di Dhi Qar.

L’iniziativa, nata a seguito di un’esplicita richiesta del Sovrintendente archeologico provinciale (nonché direttore del Museo) – Dr. Abdul Amir Hamdani – è stata organizzata e condotta dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale in forza al contingente militare italiano in Iraq.

Il corso, della durata di 8 giorni, si è tenuto presso l’area addestrativa di White Horse ed il sito archeologico di Ur dei Caldei. Tra i vari argomenti trattati, oltre alle tecniche di sorveglianza dei siti, alle modalità di trasporto, al censimento e alla catalogazione dei reperti archeologici sequestrati, particolare interesse hanno suscitato le lezioni sulle principali azioni di contrasto mirate a reprimere il saccheggio, la vendita e il trafugamento dei beni culturali, altrimenti destinati ad alimentare il mercato clandestino.

Al termine della cerimonia, presenti il Rettore della facoltà di Storia dell’Università di An Nasiriyah, prof. Ali Al Safni, l’illustre assirologo Dr. Giovanni PETTINATO e la dr.ssa Silvia CHIODI, coordinatrice e responsabile scientifica del “Progetto museo virtuale di Baghdad”, il Governatore della provincia di Dhi Qar, Aziz Kadum Aluan Al Ogheli, nel rivolgersi al Colonnello Paolo Maria ORTOLANI - Comandante del reggimento MSU - si è detto particolarmente entusiasta per il brillante risultato conseguito, frutto di una comune strategia intesa a valorizzare un settore, quello archeologico, essenza stessa della millenaria cultura del popolo iracheno. Ad oggi, 140 è il numero delle guardie archeologiche che operano, nell’ambito dell’intera provincia di Dhi Qar, nello specifico settore di responsabilità.
15/3/2006
RICERCA ARTICOLI