Contatta napoli.com con skype

Sanità
L’aglio scudo per il cuore
Usare l'aglio come scudo per il cuore, sia in caso d'infarto che durante le operazioni chirurgiche.

È l'ipotesi costruita da una ricerca della Emory University School (USA), diretta dal professor David Lefer e presentata alle sessioni scientifiche dell'American Heart Association.

Il team di Lefer ha valutato il trisolfuro di diallile, componente solforosa dell'aglio, impiegandola in test di laboratorio.
In una selezione di topi è stato provocato un infarto artificiale: poi, i roditori sono stati divisi. Il primo gruppo ha consumato una dose di trisolfuro di diallile il secondo no.

Le analisi hanno detto come gli animali trattati avevano il 70% di tessuto cardiaco danneggiato in meno.
Questo perchè, sostiene il gruppo Emory, il componente dell'aglio favorisce la produzione d'idrogeno solforato, gas che (in dosi limitate) favorisce la circolazione del sangue e diminuisce il pericolo necrosi.

Allora, i ricercatori ipotizzano farmaci a base di trisolfuro di diallile, oltretutto assumibile per via orale, sia nelle terapie di riabilitazione post-infarto che come sostegno da sala operatoria.

FONTE:
"Garlic Oil Component May Form Treatment to Protect Heart", Emory University, 16-11-2011
24/11/2011
RICERCA ARTICOLI