Contatta napoli.com con skype

Cultura
Mimì De Maio ambasciatore del Premio Lauzi
Al lavoro la giuria per la terza edizione della manifestazione canora anacaprese
di Mimmo Carratelli
Mimì De Maio, venticinquenne figlio d’arte, una voce e una chitarra in giro per il mondo, anima napoletana, sound brasiliano e swing della vecchia Chicago, è l’ambasciatore del Premio Lauzi nel mondo. E’ questa la novità della manifestazione anacaprese di fine estate giunta alla terza edizione e che è diventata, con successo, la pista di lancio di nuovi cantautori non solo italiani. Il figlio di Pino De Maio, l’appassionato cantore partenopeo, vecchio ragazzo di Capodimonte e appassionato studioso di Viviani, ha assorbito dal padre la suggestione di una vita musicale. Da quel giorno a Castrocaro, al “Samba Blues”, Mimì De Maio ha spiccato il volo, rivelato dal Premio Lauzi dell’anno scorso, delicato menestrello in America, Francia, Spagna, Inghilterra, Sudafrica, le tappe dei suoi concerti coinvolgenti con la perla di una serata al Teatro Acacia di Napoli lo scorso aprile.

Il Premio internazionale “Anacapri Bruno Lauzi, Canzone d’Autore”, che fissa i suoi appuntamenti annuali nel teatro naturale della Piazza San Nicola nel “comune di sopra” dell’isola azzurra, ha registrato sinora una straordinaria partecipazione di concorrenti, più di cento l’anno scorso, quando Mimì De Maio con “La vita è un girotondo” conquistò il premio per la migliore musica. Il passo è stato breve verso il suo esordio col cd “Genti, Luci e Zuccheri Filati”, undici brani tra pop, samba, bossanova, swing e blues, seguito da un successivo cd con i testi di Alessandra Giordano tratti dal volume di poesie “Dimmi”.

La giuria del Premio Lauzi è già al lavoro per la prossima edizione col sostegno del sindaco Franco Cerrotta e dell’Assessorato alla cultura di Anacapri, sotto la vigile e appassionata cura di Roberto Gianani, giornalista e scrittore, molto vicino agli artisti italiani della canzone, ideatore del Premio, direttore ed editore del mensile “L’Isola”. Il lavoro dei giurati è coordinato da Gianfranco Reverberi, il musicista genovese (“Ciao, ti dirò” eseguita da Gaber), capostipite della colonia dei cantautori liguri. Mariella Nava, la signora della canzone italiana, premiata l’anno scorso come migliore cantautrice ai “Venice Music Awards”, con una lunga carriera di successi e la collaborazione con le voci musicali più note in Italia, è in giuria con Peppino Di Capri, Edoardo Vianello, Franco Fasano e Pietro Gargano, giornalista e musicologo, cui si deve una dettagliata Enciclopedia della canzone napoletana.

Il Premio vuole ricordare Bruno Lauzi che si legò molto ad Anacapri dopo l’incontro con Roberto Gianani che gli fece conoscere i più suggestivi angoli e l’anima del paese isolano suggellando la loro amicizia con una indimenticabile notte, al chiaro di luna, su una terrazza di Punta Carena, davanti a un piatto di alici fritti, che mandò in estasi il cantautore genovese, accompagnati da un allegro “bianco” caprese. Ad Anacapri Lauzi tenne uno dei suoi ultimi concerti.

L’anno scorso il Premio venne assegnato a Fabiana Galasso, anacaprese, riccioli biondi, pianista delicata, con la composizione “Pelle distratta”. Il premio per il miglior testo andò ad Alessandro Robles con “Quando il mondo ha gli occhi stanchi”, giornalista e poeta barese.

Dopo il successo dello scorso anno, parte la III edizione del Premio Anacapri Bruno Lauzi – Canzone d’Autore 2010 dedicato ai cantautori ed alle loro canzoni inedite. La serata di gala con le premiazioni avrà luogo nell’agosto 2010 nello splendido scenario di piazza San Nicola ad Anacapri alla presenza dei giornalisti della carta stampata e della televisione. Le domande di iscrizione dovranno pervenire entro il prossimo 31 maggio. Il bando, con il regolamento per le ammissioni, è pubblicato alla pagina web http://www.comunedianacapri.it/it/premio-lauzi.

Per altre informazioni contattare l’Ufficio Segreteria del Comune di Anacapri: 081.83.87.217.

5/5/2010
RICERCA ARTICOLI