Calcio
Torna alla ricerca
Momento azzurro, va tutto bene riprendiamo a correre
di Mimmo Carratelli (da: Roma del 19.10.2019)
Riecco il Napoli, stasera al San Paolo (ore 18) contro il Verona, dopo la sosta per le nazionali. Rientrati gli azzurri, ultimo Lozano giunto dallaltra parte dellAtlantico con qualche noia alla caviglia destra.

In tre gasatissimi: Milik che ha segnato con la Polonia e chiede spazio nel Napoli, Elmas due gol da centrocampista offensivo con la Macedonia (e che gol!), Fabian Ruiz nei desideri dichiarati dei maggiori club spagnoli dopo il figurone con la Roja.

Disinvolto debutto di Di Lorenzo nella nazionale di Mancini. Soddisfacente anche la gara di Insigne contro la Grecia e s visto Raiola in visita a Castelvolturno per il momento delicato di Lorenzo nel Napoli.

Non ci sono problemi, non c nessun caso, non c nessuna ombra e per Ancelotti sarebbe pronto un nuovo invito del presidente a legarsi al Napoli anche dopo i tre anni del contratto in vigore.

Non ci sono tapiri da consegnare. Il leader calmo e il presidente fermo: A Insigne dico cresci oppure vai via. E per Mertens e Callejon se vogliono soldi vadano in Cina.

In questa rinnovata atmosfera idilliaca, con Gholuam che dice vogliamo vincere, siamo stanchi di arrivare sempre secondi, il Napoli dovr dimostrare in campionato (e mercoled in Champions a Salisburgo) di avere ritrovato voglia di giocare e stupire.

Siamo ancora allinizio e lo scudetto non ancora assegnato. Si gioca per rientrare nella lotta al vertice della classifica che, per il momento, vede il Napoli al quarto posto dopo Juve, Inter e Atalanta. Cos indietro la squadra non mai stata.

Lanno scorso, alla settima giornata, era seconda; lanno prima era in testa. La classifica peggiorata anche per i miglioramenti di Inter (5 punti in pi rispetto allanno scorso) e Atalanta (10 punti in pi), mai partite cos forte.

Sul Napoli pesano i tre punti mollati al Cagliari nel match di un solo tiro e un gol dei sardi al San Paolo. Con quei tre punti non avremmo avuto afflizioni. Si batte il Verona, si riprende a correre in Champions nella trasferta in Austria, si fa un colpaccio a Ferrara contro la Spal fra due domeniche e il gioco fatto.
Elementare, Watson.

Cominciamo stasera col Verona che sta a met classifica, quattro punti meno degli azzurri. Nessuna partita facile, diamoci dentro con la formazione migliore e ritocchiamola il meno possibile (nove formazioni diverse finora in nove partite).

Rientra Koulibaly. Il leader calmo, buon per tutti, ma s calmata anche la squadra che non segna da 225 minuti, ultimo gol di Manolas alla fine del primo tempo contro il Brescia. S persa lallegria del gol.

Il Verona squadra che subisce poco (5 gol, uno pi dellInter, uno meno della Juve, cinque meno del Napoli). Ha fatto soffrire la Juve cedendo solo su rigore. Davanti al portiere Silvestri (3-4-2-1), due giganti albanesi: Rrahmani 1,92 e Kumbulla 1,90. Bisogna infilarli rasoterra e in velocit. Il Napoli sa come fare se ritrova lentusiasmo perduto. Il San Paolo sar sufficientemente affollato, c fiducia.

Si torna al 4-4-2 con Insigne quarto a sinistra, la solita storia, il ragazzo che si esalta nel 4-3-3 di Mancini sta a disagio sulla fascia va e vieni.

Giocher Milik? Pi mobile di Llorente, autentico pivot darea di rigore, il polacco potrebbe cucire meglio la manovra per sfondare la difesa veronese. Andiamo, tempo di segnare. Qui non si pettinano bambole.

18/10/2019
RICERCA ARTICOLI