Altri Sport
La Capri-Napoli, festa del nuoto di fondo
di Adriano Cisternino
Riecco la Capri-Napoli, la maratona del mare, che si ripresenta con tutto il suo fascino domenica 9 settembre per l'edizione numero 53, organizzata da Luciano Cotena, con la sua società Eventualmente, che fortemente ha voluto negli anni 2000 la riproposizione di questo evento unico ed i fatti gli hanno dato pianamente ragione.

Perchè la Capri-Napoli ha saputo rispolverare in fretta e riprendersi tutto il suo luccicante fascino antico di maratona del mare in uno scenario unico, Capri di qua e il Vesuvio di là, richiamando i migliori specialisti mondali del nuoto di gran fondo.

Nata nel 1954 da un'idea del commendatore Alberto Barone de “Il Mattino” che l'organizzava con il giornalista Lello Barbuto, la Capri-Napoli è diventata subito un grande evento non solo sportivo, ma un appuntamento coinvolgente per l'intera città con l'arrivo in via Caracciolo dove i napoletani si raccoglievano e si raccolgono sempre a migliaia per accogliere ed osannare questi eroi del mare capaci di attraversare il Golfo a nuoto.

Fu l'egiziano Hasan Marey il primo vincitore, da cui l'immagine colorita ed efficace dei “coccodrilli del Nilo”. Ma poi vennero i trionfi del leggendario Alfredo Camarero, argentino di Rosario, nominato poi cittadino onorario di Capri.

Nel 1955 la gara fu aperta anche alle donne e nel 1957 ecco la prima vittoria targata Italia proprio in campo femminile con Anna Mazzola, caprese, allieva di Camarero, sua compagna di allenamenti.

E poi arrivò l'era di uno scugnizzo di Baia, Giulio Travaglio, cresciuto al Circolo Posillipo, che ne vinse ben cinque, quasi consecutive, dal 1965 al 1970 con la sola esclusione del 1969.

Nel 1992 l'ultima edizione targata “Il Mattino”, poi la Capri-Napoli scompare dal calendario cittadino. Resta solo nei ricordi per ben undici anni finchè un coraggioso giovane manager, Luciano Cotena, pugile in gioventù e figlio di Elio, ex grande pugile e poi organizzatore, decide con tenacia di ripristinare questo evento che accendeva su Napoli i fari del nuoto mondiale.

La Capri-Napoli rinasce dopo undici anni di black-out, nel 2003 e da allora Luciano Cotena non l'ha più abbandonata, ne ha fatto una sua creatura privilegiata.

Rieccola dunque, puntuale, per l'edizione 2018, partenza come sempre da Marina Grande ed arrivo al Molosiglio con villaggio di accoglienza allestito presso il Circolo Canottieri Napoli.

Al via risultano iscritti 23 atleti, 16 uomini e 7 donne, appartenenti ad 11 nazioni di 4 continenti, in gara per il trofeo Farmacosmo.

Fra i partenti spiccano i nomi dell'argentino Damiani Blaum, vincitore delle edizioni 2010 e 2015, e del macedone Pop Acev, vincitore nel 2016.

In campo femminile, significativa la partecipazione di Barbara Pozzobon, campionessa del mondo della specialità 2017, e di Pilàr Geijo, vincitrice della Capri-Napoli nel2011 e nel 2016.

La premiazione sarà come sempre una gran festa, lunedì 10 settembre al Jemming Idro-panoramic Exclusive Club con la consegna di tutti i premi.
6/9/2018
RICERCA ARTICOLI