Basket
Il Cuore Napoli Basket cade a Trapani
fermandosi sul più bello
di Mario Triggiani
Ancora una volta l'ultimo quarto è fatale per il Cuore Napoli Basket, che dopo aver giocato alla pari con Trapani per trentotto minuti subisce un bruttissimo parziale di 16-4 e conclude la gara in terra sicula con una sconfitta per 86-74.

Napoli, oltre al lungo degente Mastroianni, deve rinunciare anche a Stefan Nikolic ancora alle prese con un infortunio rimediato durante la gara di domenica scorsa contro Siena.

La gara è equilibrata per i primi tre quarti, con Napoli che prova spesso a mettere in muso avanti ma viene sempre recuperata da Trapani. Gli americani Thomas e Turner sembrano oramai calati nel loro ruolo di leader ed ogni azione della squadra partenopea passa necessariamente dalle loro mani.

In difesa i napoletani riescono a sopperire alle assenze che hanno falcidiato il settore lunghi del Cuore Napoli Basket, con Caruso e Ronconi che limitano i danni sotto le plance.

Si arriva così agli ultimi minuti sul 70-70, con Trapani che dapprima si porta in vantaggio con Andrea Renzi e sugli sviluppi dell'azione successiva Turner sbaglia un tiro e poi commette un fallo su Mollura che gli arbitri giudicano antisportivo.

È l'inizio della fine per Napoli, che subisce tre triple consecutive di un Jefferson, fino a quel momento silente, e deve così rimandare l'appuntamento con la prima vittoria esterna.

La diretta avversaria per evitare la retrocessione diretta, la Virtus Roma, giocherà stasera in trasferta contro Tortona. In caso di sconfitta dei laziali il distacco con Napoli rimarrebbe di sei punti, in attesa dello scontro diretto di domenica 18 febbraio, quando con ogni probabilità si deciderà il destino di entrambe le compagini.

Il prossimo impegno per il Cuore Napoli Basket sarà comunque domenica prossima al PalaBarbuto alle ore 17:00 proprio contro Tortona, squadra che occupa le prime posizioni della classifica.

Napoli ospiterà infatti a Fuorigrotta, da qui al termine del campionato, le prime cinque forze del campionato, oltre che la terzultima in classifica Treviglio.

Sarà quindi necessario fare qualche vittima di prestigio per conquistare la salvezza, oltre ovviamente ad effettuare qualche colpo in trasferta oltre quello di Roma, vera e propria "conditio sine qua non" per poter continuare a sperare quantomeno nei playout.

Lighthouse Trapani - Cuore Napoli Basket 86-74 (14-14, 21-22, 24-22, 27-16)

Lighthouse Trapani: Brandon Jefferson 20 (2/4, 5/10), Andrea Renzi 16 (7/9, 0/0), Jesse Perry 15 (6/11, 0/1), Gabriele Ganeto 11 (3/7, 1/2), Kenneth Viglianisi 6 (0/0, 2/5), Marco Mollura 6 (2/2, 0/0), Stefano Bossi 5 (1/3, 1/2), Stefano Spizzichini 5 (1/2, 1/1), Nenad Simic 2 (1/1, 0/0), Filippo Testa 0 (0/0, 0/1), Vincenzo Guaiana 0 (0/0, 0/0), Davide Fontana 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 15
Rimbalzi: 28 8 + 20 (Jesse Perry 15)
Assist: 21 (Brandon Jefferson 6)

Cuore Napoli Basket: Elston jr Turner 24 (8/12, 2/11), Jermaine Thomas 12 (3/6, 2/5), Matteo Fioravanti 10 (5/6, 0/2), Alessio Ronconi 8 (1/3, 2/3), Guglielmo Caruso 6 (3/5, 0/0), Roberto Maggio 6 (0/0, 2/4), Bruno Mascolo 4 (2/4, 0/1), Nikolay Vangelov 4 (2/4, 0/0), Stefan Nikolic 0 (0/0, 0/0), Antonio Gallo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 2 / 4
Rimbalzi: 25 9 + 16 (Bruno Mascolo 6)
Assist: 9 (Roberto Maggio 3)

9/2/2018
RICERCA ARTICOLI