Calcio
Calciomercato in anticipo
di Vittorio Verruto
E’ iniziato già da dicembre il calciomercato partenopeo: a parlare sono il direttore sportivo e il presidente, che vogliono mettere in chiaro da subito i meccanismi con i quali avverranno le mosse di mercato.

Proprio il direttore sportivo Bigon ha già fatto intendere che alcuni giocatori che non hanno molto spazio al momento rimarranno, perché potrebbero rivelarsi utili durante il campionato, mentre :” Al di là delle voci di mercato, la realtà è che siamo in più di una trattativa e non c'è nulla di concluso. Ci vuole un pò di pazienza, il mercato è lungo. Zuniga, Bogliacino non sono in uscita. Stanno trovando poco spazio, ma offrono il loro contributo anche in ruoli non proprio adatti alle loro caratteristiche. Per quanto riguarda Hoffer siamo certi delle sue qualità, bisogna pensare a una soluzione di uscita che poi possa portare vantaggi in una sua futura crescita. Per quello che concerne Pià e Datolo, bisogna valutare tutto insieme a loro. Qualcuno vuole andare ai mondiali e ha bisogno di giocare".

Lo stesso presidente De Laurentiis fa intendere che questa volta a comandare in primis, per quanto riguarda le mosse di mercato, sarà sicuramente l’allenatore e non più il direttore o la società come avvenuto in passato:” E' cominciata l'era della messa a punto. I giocatori in esubero devono avere la possibilità di trovare spazio altrove. E' un lavoro che avverrà nell'arco di un biennio. Potrebbero esserci già degli innesti, degli aggiustamenti o delle scoperte in casa. Dopo i primi 4 mesi, a giugno, Mazzarri ci dirà cosa manca. Acquistare tanto per farlo è facile, ma occorrono innesti utili. Errori non se ne possono più fare. Ho investito 120 milioni in 26-28 mesi. Io non sto competendo in questo campionato, ma sto alla finestra pensando al mio calcio. Vi state concentrando tanto su Dossena, in sostituzione di Datolo o Aronica, io avrei voluto Balzaretti, che sa usare tutti e due i piedi: non e' voluto venire, ci abbiamo provato in passato. Mi sono stancato di parlare di Dossena: se me lo vogliono dare me lo danno, altrimenti no. Se un giocatore deve rilanciarsi in chiave Nazionale non deve pensare ai soldi o a quanto guadagnava tre anni fa. A me piace Hamsik, che non pensa solo ai soldi”.

Quindi si può dichiarare definitivamente chiusa la trattativa per l’esterno, ed infatti anche lo stesso procuratore, Pastorello, fa intendere che non ci siano più i presupposti per mandare avanti la trattativa:” "A questo punto possiamo considerare definitivamente chiusa la trattativa tra il mio assistito e il club di De Laurentiis, le parti non riescono a trovare intenti comuni. Credo che sia inutile continuare a parlare di questa operazione. D'altronde il Napoli sta seguendo altri obiettivi”.

Intanto stasera andrà in scena a San Siro, Inter-Livorno, incontro valido per gli ottavi di finale di Tim Cup: la vincente sfiderà una tra Napoli e Juventus, che si affronteranno il 13 Gennaio.
16/12/2009
RICERCA ARTICOLI