Calcio
Italia tutta nuova sconfitta e bocciata
di Mimmo Carratelli (da: Roma del 11.09.2018)
Un’Italia completamente inventata da Mancini, profondamente rinnovata rispetto alla partita contro la Polonia, cede di misura a Lisbona contro il Portogallo (0-1) nella seconda gara della Nations League.

La crisi della nazionale continua. La squadra più nuova e giovane regge come può il campo nel primo tempo, cala vistosamente nella ripresa. Non costruisce gioco e gli errori continuano a centrocampo e in difesa.

Possesso-palla migliore del Portogallo (54%). Superiorità portoghese nelle conclusioni: 12-9 (nello specchio 5-2). I problemi azzurri restano tutti in piedi.

La sconfitta di Lisbona è un rischio per l’Italia che potrebbe essere retrocessa nella serie B della Nations League.

Ma, al di là dei risultati contrari, un pareggio e una sconfitta sinora, allarma la crisi di gioco della nazionale. Forse non si poteva pretendere molto da una squadra tutta nuova.

Due salvataggi di Donnarumma, il salvataggio di Romagnoli sulla linea e la traversa sulla svirgolata di Cristante hanno consentito all’Italia di lasciare Lisbona con una sconfitta minima, ma un’altra bocciatura.

Si gioca allo Estadio da Luz di Lisbona, ma manca la luce: Cristiano Ronaldo diserta la partita preparando a Vinovo il primo gol con la Juventus.

Rivoluzione copernicana di Mancini. Nuovo modulo, molto prudente (4-4-2). Nove nuovi giocatori rispetto al match di venerdì contro la Polonia, due unici superstiti, Donnarumma e Jorginho. Grandi esclusi Insigne e Bernardeschi. Lazzari della Spal al debutto.

Il Portogallo, formazione collaudata, è più squadra. Gioca con due registi, Ruben Neves davanti alla difesa, William Carvalho più avanzato. Attacca con più uomini.

Il piccolo guineano Bruma, che gioca nel Lipsia, è un tormento per Lazzari. Le difficoltà di Lazzari costringono Chiesa a giocare più in copertura.

I portoghesi sono superiori nel palleggio e nel pressing di squadra. La giovane Italia regge come può. Il centrocampo non costruisce (Jorginho gioca soprattutto in contenimento), Immobile si muove poco, meglio Zaza. In difesa qualche sbandamento e, a centrocampo, Cristante è l’azzurro che perde più palloni.

Chiesa, il giocatore più atteso, si segnala per un paio di tiri centrali parati nel primo tempo e per una mediocre conclusione a lato nella ripresa. C’è un anticipo di Napoli-Fiorentina nel duello tra Mario Rui e Chiesa.

Vince il portoghese che lascia due palloni offensivi al fiorentino nel primo tempo, ma per tutto il match Rui gioca spingendo molto e sfiorando il gol quando su un cross ben calibrato Cristante svirgola mandando il pallone contro la traversa (32’).

L’Italia non è mai pericolosa in attacco. Il Portogallo va al tiro più volte. Sul tiro di Bernando Silva, Romagnoli salva sulla linea (27’). Donnarumma devia in corner il tiro all’incrocio di Bernardo Silva (53’), sempre lui, mentre Bruma continua a martellare la difesa azzurra fino al cambio (76’ lo sostituisce Martins).

Sul vantaggio portoghese è Mario Rui che, vincendo un rimpallo su Lazzari, avvia l’azione rifinita da Bruma per la conclusione in gol di André Silva (48’).

Nel finale, Mancini cerca il pareggio inserendo Belotti per Cristante (79’) dopo avere impiegato Berardi per Immobile (59’) ed Emerson Palmieri per Criscito (74’).

Un disperato 4-2-4 al tramonto del match che frutta una maggiore pressione di Emerson Palmieri rispetto a Criscito, due colpi di testa di Zaza a lato (78’ e 94’), un colpo di testa di Caldara alto (82’). Sempre pericoloso il Portogallo in contropiede con parata finale di Donnarumma su Renato Sanches (85’).

PORTOGALLO-ITALIA 1-0 (0-0)
ITALIA (4-4-2): Donnarumma; Lazzari, Caldara, Romagnoli, Criscito (74’ Emerson Palmieri); Chiesa, Jorginho, Cristante (79’ Belotti), Bonavenura; Zaza, Immobile (59’ Berardi).

PORTOGALLO (4-3-3): Rui Patricio; Cancelo, Pepe, Ruben Dias, Mario Rui; Pizzi (74’ Renato Sances), Ruben Neves, William Carvalho (86’ Oliveira); Bernardo Silva, André Silva, Bruma (76’ Martins).

ARBITRO: Collum (Scozia).
RETI: 48’ André Silva.

NATIONS LEAGUE
Serie A – Gruppo 3
Italia-Polonia 1-1
Portogallo-Italia 1-0

CLASSIFICA
3 Portogallo; 1 Polonia (una partita); 1 Italia (due partite).

11 ottobre: Polonia-Portogallo
14 ottobre: Polonia-Italia
17 novembre: Italia-Portogallo
20 novembre: Portogallo-Polonia.

11/9/2018
RICERCA ARTICOLI