Altri Sport
Da Mario Lamagna a Patrizio Oliva
Premiati i campioni della Campania
di Adriano Cisternino
Tre campioni del mondo professionisti, cinque campioni d'Europa, ventotto campioni d'Italia, quattro medagliati olimpici, cinque maestri e cinque premi “alla memoria”.

La storia del pugilato in Campania è stata celebrata nel salone dell'hotel Vittoria di Pompei con la cerimonia “Un campione, una cintura, per sempre” che la Federpugilistica, in collaborazione col Comitato Regionale Campano, ha organizzato per ricordare vecchi e nuovi campioni del ring, ma anche i maestri storici che quei campioni hanno allevato.

C'era naturalmente Patrizio Oliva, che in carriera ha vinto di tutto e di più, ma c'era anche Mario Santucci, classe 1923, maestro storico dalla boxe salernitana, e c'erano soprattutto i campioni di ieri e di oggi, alcuni dei quali ieri avversari e oggi amici inseparabili.

C'era Mario Lamagna che portò ottomila spettatori al Palargento per la sua sfida tricolore a Carlo Duran, c'era Elio Cotena, campione d'Italia e d'Europa e poi organizzatore fondamentale per la carriera di tanti pugili cresciuti con la sua benedizione.

E c'era Agostino Cardamone, campione d'Europa e poi del mondo, che anziché esultare si chinò a soccorrere Silvio Branco dopo averlo messo kappaò e si meritò il premio “fair play”.

E poi Ciro De Leva, e Alfredo Raininger, nella sua attuale veste di presidente del Comitato Campano, e tanti, tanti campioni di ieri e di oggi, che il neo presidente federale Vittorio Lai, scortato dal vicepresidente Enrico Apa e dai consiglieri Fabrizio Baldantoni, Biagio Zurlo e Marzia Davide, ha salutato personalmente, alla consegna delle cinture nella rigorosa successione condotta con ordine e simpatia dal collega Remo D'Acierno.

Ospite d'eccezione Giacobbe Fragomeni, in allenamento alla Vesuviana con Biagio Zurlo. Un brindisi ai futuri successi della boxe in Campania ha concluso la cerimonia prima del ricco buffet per il pranzo messo a disposizione da Rosario Africano, come sempre impeccabile anfitrione oltreché dirigente regionale e presidente della Vesuviana.

L'elenco dei premiati: alla memoria Geppino Silvestri, Fazio Napoleone, Agostino Cossia, Salvatore Todisco e Adriano Offreda.

Quindi, i maestri Mimmo Brillantino, Raffaele Munno, Giuseppe Perugino, Mario Santucci e Lucio Zurlo. I campioni del mondo professionisti: Agostino Cardamone, Patrizio Oliva e Antonio Perugino.

I campioni d'Europa professionisti: Pietro Aurino, Luigi Camputaro, Elio Cotena, Ciro De Leva e Alfredo Raininger. I medagliati olimpici: Vincenzo Mangiacapre, Amgelo Musone, Vincenzo Picardi e Clemente Russo.

I campioni d'Italia professionisti: Gaetano Ardito, Luciano Borraccia, Salvatore Bottiglieri, Franco Buglione, Giovanni Camputaro, Gaetano Caso, Gianluca Ceglia, Biagio Chianese, Nicola Cipolletta, Giovanni De Luca, Giovanni De Marco, Luigi de Rosa, Mimmi Di Iorio, Andrea Di Luisa, Samuele Esposito, Luigi Gaudiano, Mario Lamagna, Giuseppe Langella, Vincenzo Limatola, Gennaro Mauriello, Gaetano Nespro, Vittorio Parrinello, Pasquale Perna, Antonio Picardi, Carmine Tommasone, Giuseppe Truono e Biagio Zurlo.

14/6/2017
FOTO GALLERY
RICERCA ARTICOLI