La favola di Maradona
La sua storia a puntate – 67
di Mimmo Carratelli
In quanti andammo a Bologna quella domenica del 22 aprile 1990? Quanti napoletani, Dieguito delle nostre speranze, vennero da tutte le città del nord? Una folla, un’allegria di carovane, di bandiere, di cuori accesi. La città viaggiante del tifo vesuviano.

Tutti pigiati nel vecchio stadio “Dall’Ara”, così comodo per vedere le partite, così vicino il campo di gioco, il terreno splendido e la vecchia torre quadrata al centro dei ”distinti”, la curva di San Luca dei bolognesi e, di fronte, la curva azzurra. Ma drappi azzurri erano dappertutto e canti napoletani sgorgavano da ogni punto dello stadio. Si annunciava una domenica felice, ce la sentivamo dentro.

Al Bologna, contro il Milan, avevano “rubato” un gol e la vittoria sette giorni prima. Un tifoso aveva gridato a Berlusconi in tribuna: “Viva il Napoli. Quando verrà qui lo lasceremo vincere”. C’era un’atmosfera amichevole per i nostri sogni? Un amico era certamente Gigi Maifredi, l’ex venditore di bollicine che inventò il calcio-champagne, e di fronte avemmo un Bologna allegro che avevamo allegramente eliminato in Coppa Italia. Si sarebbe ripetuta l’allegria? Il Milan giocava a Verona. Occhio al Comanale di Bologna e orecchie alle radioline.

Pronti, via. E fu subito il paradiso. Te ne ricordi, Diego? Carè-Carè-Careca tirò la prima bomba. In vantaggio dopo tre minuti. Dopo nove minuti, pibe, mettesti il tuo sigillo. Dopo un quarto d’ora andò a segno Francini che non si faceva mai scappare l’occasione del gol. Tre a zero, ci stropicciavamo gli occhi e dovemmo contenere i battiti del cuore. Partita spettacolare, domenica felice e i bolognesi che ci applaudivano e gridavano “campioni, campioni”. La faccia bella del calcio.

Non fu una partita, fu una cavalcata azzurra. E il Milan che fa? Che fa il Milan a Verona? Il Milan soffriva al “Bentegodi”, stadio già fatale ai rossoneri all’ultima giornata del 1973. Era, allora, il Milan di Rivera, Bigon, Benetti, Chiarugi in vantaggio di un punto sulla Juve di Bettega, Capello, Zoff, Causio, Haller, Anastasi. Crollò proprio a Verona sul filo di lana. Cedette disastrosamente per 5-3 e consegnò lo scudetto alla Juve vittoriosa a Roma.

Un bel precedente, incoraggiante. Poteva ricascarci il Diavolo? Ci stava ricascando. La partita di Bologna si concluse con un trionfale 4-2 (segnò ancora Alemao) e il Milan, nervoso e un po’ provocato dall’arbitro, stramazzò a Verona incartando rabbia e sconfitta (2-1).

Tornammo in testa da soli, due punti davanti ai rossoneri, e restava da giocare un’altra partita. Lo scudetto già sulle maglie azzurre, serviva l’ultimo colpo d’ago per cucirvelo definitivamente.

Che cosa fu il “San Paolo” quell’ultima domenica di aprile? Un Vesuvio azzurro, una prova d’orchestra, un cuore grande e palpitante. Il traguardo in pugno e l’ansia di non lasciarselo scappare. Avversaria la Lazio, crudelmente attestata a farci soffrire, però bucata fulmineamente da Marco Baroni, lo spilungone fiorentino che giocò con gli slip rossi portafortuna. All’andata, la Lazio ci aveva assestato la prima sconfitta, uno sgarbo non digerito. Infilata da Baroni al 7’ ci fece dannare sino alla fine, mentre il Milan a “San Siro” dilagava contro il Bari (4-0). Inutile smargiassata. Campionato concluso e scudetto al Napoli, il secondo. Gracias, pibe.

Continua

IL MUSEO MARADONA

Vai alla prima puntata
Vai alla seconda puntata
Vai alla terza puntata
Vai alla quarta puntata
Vai alla quinta puntata
Vai alla sesta puntata
Vai alla settima puntata
Vai alla ottava puntata
Vai alla nona puntata
Vai alla decima puntata
Vai alla undicesima puntata
Vai alla dodicesima puntata
Vai alla tredicesima puntata
Vai alla quattordicesima puntata
Vai alla quindicesima puntata
Vai alla sedicesima puntata
Vai alla diciassettesima puntata
Vai alla diciottesima puntata
Vai alla diciannovesima puntata
Vai alla ventesima puntata
Vai alla ventunesima puntata
Vai alla ventiduesima puntata
Vai alla ventitreesima puntata
Vai alla ventiquattresima puntata
Vai alla venticinquesima puntata
Vai alla ventiseiesima puntata
Vai alla ventisettesima puntata
Vai alla ventottesima puntata
Vai alla ventinovesima puntata
Vai alla trentesima puntata
Vai alla trentunesima puntata
Vai alla trentaduesima puntata
Vai alla trentatreesima puntata
Vai alla trentaquattresima puntata
Vai alla trentacinquesima puntata
Vai alla trentaseiesima puntata
Vai alla trentasettesima puntata
Vai alla trentottesima puntata
Vai alla trentanovesima puntata
Vai alla quarantesima puntata
Vai alla quarantunesima puntata
Vai alla quarantaduesima puntata
Vai alla quarantatreesima puntata
Vai alla quarantaquattresima puntata
Vai alla quarantacinquesima puntata
Vai alla quarantaseiesima puntata
Vai alla quarantasettesima puntata
Vai alla quarantottesima puntata
Vai alla quarantanovesima puntata
Vai alla cinquantesima puntata
Vai alla cinquantunesima puntata
Vai alla cinquantaduesima puntata
Vai alla cinquantatreesima puntata
Vai alla cinquantaquattresima puntata
Vai alla cinquantacinquesima puntata
Vai alla cinquantaseiesima puntata
Vai alla cinquantasettesima puntata
Vai alla cinquantottesima puntata
Vai alla cinquantanovesima puntata
Vai alla sessantesima puntata
Vai alla sessantunesima puntata
Vai alla sessantaduesima puntata
Vai alla sessantatreesima puntata
Vai alla sessantaquattresima puntata
Vai alla sessantacinquesima puntata
Vai alla sessantaseiesima puntata
23/1/2005